Assalto a pompieri a Capodanno, 10 denunciati di cui 4 minori

Alp

Milano, 16 gen. (askanews) - Sono dieci, sei adulti e quattro minorenni, le persone indagate, a vario titolo, per interruzione di pubblico servizio, resistenza a pubblico ufficiale, incendio doloso e furto aggravato, per aver ostacolato, accerchiato e aggredito i vigili del fuoco che il 31 dicembre scorso erano intervenuti in via Gola e in via Pichi a Milano per spegnere un incendio appiccato ad alcune masserizie gettate in mezzo alla strada nel corso dei "festeggiamenti" per il capodanno. Lo ha comunicato la questura meneghina, spiegando che nel corso dell'operazione di questa mattina, la polizia ha perquisito sette appartamenti di alcuni stabili di via Pichi, via Ascanio Sforza, via Gola, via Cefalonia e via Ripamonti dove abitano quattro maggiorenni e tre minorenni.

Si tratta di tre italiani tra i 20 e i 22 anni, e di un 20enne pregiudicato brasiliano, irregolare in Italia e con precedenti per ricettazione e reati contro il patrimonio. I minori, tre sedicenni, sono un marocchino (trovato con una scacciacani) e un albanese con precedenti per spaccio, e un italiano.

Nel corso dei controlli sono state sequestrate tre pistole scacciacani e telefoni cellulari contenenti video non pubblicati online (altri erano invece stati postati sui sociali) che riprendono i momenti precedenti l'accensione del rogo.