Assassino di Abe: Covid m’impedì d’uccidere la vedova Moon

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 lug. (askanews) - L'uomo che ha ucciso l'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe ha sostenuto di non aver proceduto con l'originario piano di uccidere il leader dell'organizzazione religiosa che - a suo dire - avrebbe spillato denaro alla madre a causa delle restrizioni Covid-19. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Kyodo.

Tatsuya Yamagami ha detto agli inquirenti che il suo primo obiettivo era Hak Ja Han Moon, la vedova del reverendo Moon, fondatore della Chiesa dell'Unificazione, conosciuta nel movimento con l'appellativo di "Vera Madre". Tuttavia la leader della Federazione delle famiglie per la pace mondiale e l'unificazione, che avrebbe dovuto effettuare una visita in Giappone, dové rinunciare alla visita a causa dell'epidemia di coronavirus.

E, sempre per lo stesso motivo, Yamagami non ha potuto recarsi lui in Corea del Sud, dove la leader del gruppo religioso vive.

Yamagami - a quanto s'è capito - ha fatto una serie di sopralluoghi in diverse località dove si tenevano incontri della Chiesa dell'Unificazione, anche armato di coltello. In un caso, nel 2019, provò a entrare in una riunione a cui partecipava anche la vedova Moon in una località del Giappone centrale con una bottiglia molotov, ma non ci riuscì.

I primi tentativi di costuire un'arma artigianale, secondo quanto ha raccontato Yamagami, risalgono alla primaverta 2021.

La sua attenzione si sarebbe scostata dalla vedova Moon all'ex primo ministro, quando vide un videomessaggio registrato da Abe settembre dello scorso anno per un'iniziativa della Chiesa dell'Unificazione. La visione sarebbe avvenuta a marzo o aprile di quest'anno.

Tomihiro Tanaka, presidente dell'organizzazione religiosa per il Giappone, ha dichiarato nella sua conferenza stampa che effettivamente la madre di Yamagami aveva fatto parte del gruppo religioso, mentre Abe non era un affiliato. Ma Yamagami è apparso - secondo la polizia - consapevole dei rapporti instaurati dalla famiglia di Abe dal tempo del nonno materno del politico assassinato, il defunto ex primo ministro Nobusuke Kishi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli