Assegno unico figli, Pd e Italia Viva: di chi è il merito?

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Da luglio arriva l'assegno unico universale, con 250 euro al mese per ciascun figlio. Il premier Mario Draghi ha ribadito che l'agevolazione partirà in estate. Italia Viva e Pd, nelle ultime ore, hanno ribadito la rispettiva paternità del provvedimento.

"Sul lungo periodo la più grave crisi italiana è quella demografica. Serve agire: martedì diventa legge l’assegno universale, il primo pezzo del FamilyAct lanciato alla Leopolda. Ma è solo un passaggio: deve essere chiaro che l’assegno universale è solo il primo passo", ha twittato Matteo Renzi. "Idee nate alla Leopolda e arrivate in Parlamento. Italia Viva ha saputo trasformare le intuizioni di quei tavoli di lavoro in azioni concrete", ha scritto su Facebook Ettore Rosato, presidente di Italia Viva. "La maratona per l'assegno unico e universale è arrivato all'ultimo miglio, la settimana prossima -ha spiegato il vicepresidente della Camera - ci sarà il voto finale in Senato e dal 1 luglio sarà legge dello Stato. 250 euro al mese per ciascun figlio dal settimo mese di gravidanza al 21esimo anno di età, con una particolare attenzione ai figli disabili e una maggiorazione dal terzo figlio in poi". "Martedì il Senato approverà in via definitiva il primo grande pezzo della riforma fiscale: l’assegno unico universale (già approvato alla Camera - all’unanimità - nel giugno scorso), frutto delle idee e del lavoro di Elena Bonetti e degli esponenti di Italia Viva (quando militavamo in un altro partito)", ha scritto su Facebook Luigi Marattin, presidente della Commissione Finanze. "Addio a tutta la giungla di detrazioni fiscali e di bonus, e benvenuto ad un unico strumento, chiaro e semplice, di sostegno alla natalità e alla famiglia, che sia per tutti e non solo per pochi privilegiati”. “Il primo pilastro di una complessiva riforma che renderà, dopo 50 anni, il nostro fisco più leggero e più semplice", ha concluso.

E il Pd? Il segretario dem Enrico Letta ha ritwittato il post del Partito democratico sull'assegno unico universale che verrà approvato la prossima settimana. "Un aiuto concreto alle famiglie, soprattutto le più disagiate, a chi ha figli e deve garantire loro un futuro. Una riforma storica fortemente voluta dal PD, in un momento tra i più difficili e drammatici del nostro Paese. #AssegnoUnicoUniversale", si legge nel Tweet del Pd. "Un aiuto sostanziale alle famiglie, voluto e perseguito con tenacia dal Pd. L'Assegno unico per i figli introduce in Italia un cambiamento storico nel sistema dei sostegni strutturali ai nuclei familiari. Proprio nell'anno in cui il nostro Paese soffre di più per la crisi economica e la denatalità, il Pd crea letteralmente i presupposti della rinascita post pandemia, dando la mano a chi ha figli e alleva il futuro", le parole di Debora Serracchiani.

Da 'fuori', il giudizio imparziale di Carlo Calenda: "Non so se voluto dal Pd o voluto da Italia Viva e fa un po’ ridere questa corsa al meme di rivendicazione, mi sembra però in generale un’ottima notizia. Intanto per competenza direi brava a Elena Bonetti", ha scritto su Twitter Carlo Calenda, leader di Azione, a proposito dell'assegno unico.