Assegno unico universale, a chi spetta e quanto vale

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Stiamo lavorando, affinché l'assegno unico universale per i figli fino a 21 anni arrivi dal prossimo anno". All'inizio del mese, ai microfoni di Agorà, la ministra per la Famiglia e le pari opportunità Elena Bonetti illustrava le caratteristiche dell'assegno unico universale. Oggi, la Camera all'unanimità ha detto sì alla legge che istituisce lo strumento.

GUARDA ANCHE: La scuola riparte a settembre tra dubbi e incertezze

Ad Agorà, Bonetti spiegava che "ogni mese le famiglie riceveranno una somma per ciascun figlio, dalla nascita fino ai 21 anni, con una maggiorazione dal terzo figlio e in caso di figli disabili, dal 30% al 50%, estesa a tutto l'arco della vita".

In ogni caso, "ci sarà un carattere di universalità per tutti, con l'obiettivo che nessuno prenda meno di quanto non stia già prendendo adesso. Stiamo facendo i conteggi, anche sulla base della nuova riforma fiscale che faremo; si era fatta un'ipotesi fra 200 e 250 euro, in una prima simulazione. Importante è che le famiglie potranno contare su questa cifra, tutti i mesi, erogata con semplicità".

GUARDA ANCHE - Bonus in busta paga, a chi spetta?