Assicurazioni Ue, Eiopa avvia modifica "evolutiva" norme su patrimonio

·1 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles

LONDRA (Reuters) - Le normative europee sul capitale delle compagnie assicurative devono essere modificate per riflettere i bassi tassi di interesse e la necessità di maggiori poteri di vigilanza per affrontare i rischi.

Lo ha detto l'Eiopa, l'Autorità europea che vigila sul settore.

La Ue sta rivedendo i requisiti patrimoniali di Solvency II per le compagnie assicurative introdotti nel 2016.

"L'Eiopa propone modifiche in diversi settori, ma con un impatto complessivo equilibrato sulle compagnie. Ciò riflette il fatto che Solvency II funziona bene nel complesso", ha detto in una nota l'organo di vigilanza.

Spetterà alla Commissione europea presentare proposte di modifiche legislative, che richiederebbero l'approvazione degli Stati membri della Ue e del Parlamento europeo.

L'Eiopa ha affermato che le autorità di vigilanza nazionali dei 27 Paesi del blocco dovrebbero avere il potere di imporre un requisito aggiuntivo di capitale alle compagnie per coprire il rischio sistemico e di imporre misure aggiuntive come il divieto di distribuire dividendi per preservare la posizione finanziaria.

Ci sono state aree di "preoccupazione significativa" che devono essere affrontate nella revisione in quanto i tagli ai tassi di interesse per limitare le conseguenze economiche della pandemia hanno mandato quasi l'intera curva di swap in euro in territorio negativo.

Gli assicuratori utilizzano le curve dei tassi per valutare le proprie passività e quindi i requisiti patrimoniali.

"Il consiglio dell'Eiopa è che è essenziale riconoscere questo quadro economico in Solvency II", ha detto l'organo di vigilanza.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))