Assisi presenta il "Terzo Paradiso" di Michelangelo Pistoletto -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 17 dic. (askanews) - Il primo è il paradiso in cui la vita sulla terra è totalmente regolata dalla natura. Il secondo è il paradiso artificiale, sviluppato dall'intelligenza umana attraverso un processo che ha raggiunto oggi proporzioni globalizzanti. Il progetto del terzo paradiso consiste nel condurre l'artificio, cioè la scienza, la tecnologia, l'arte, la cultura e la politica a restituire vita alla Terra. Il terzo paradiso è il nuovo mito che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità in questo frangente epocale. Con il nuovo segno d'infinito si disegnano tre cerchi: quello centrale rappresenta il grembo generativo del terzo paradiso".

Il Bosco incantato, ispirato al progetto di Pistoletto, si compone di numerose specie vegetali (tra alberi e arbusti) di origine locale e in particolare provenienti dall'area del monte Subasio, tra cui cipresso, acero, olivo, alloro, biancospino, per un totale di circa 400 piante che poi verranno messe a dimora. La suggestiva installazione, lunga circa 40 metri, è percorribile e i visitatori, fra un ramo e l'altro, possono lasciare pensieri poetici che saranno poi raccolti e analizzati da una giuria di esperti, che premierà il componimento più bello.

(Segue)