Assobibe: - 40% nel 2020 e a marzo 2021 -57%, preoccupano sugar e plastic tax

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

"Le misure restrittive attuate sul canale Ho.Re.Ca. hanno determinato perdite per il 40% del valore del mercato delle bevande analcoliche: nessun ristoro è stato previsto per gli operatori, come le imprese di produzione, i grossisti e la filiera che gravita attorno al mondo dei consumi fuori casa". Ad affermarlo è stato Giangiacomo Pierini presidente di Assobibe in occasione del suo intervento all’International Horeca Meeting di Italgrob. "Lo scenario è complicato e le incertezze enormi: anche nel 2021 il trend rimane negativo, con una contrazione a marzo 2021 del 57%" ha detto Giangiacomo Pierini che ha scattato la fotografia di un settore tra i più colpiti dalla crisi e ha evidenziato l’importanza di una graduale ripresa del settore turistico-ricettivo e dei consumi “fuori casa”.

Il presidente ha espresso apprezzamento per l’attenzione che il ministro al Turismo Massimo Garavaglia ha dimostrato verso il comparto: un primo segnale importante in un contesto reso ancora più complesso dall’impatto atteso per l’introduzione di due nuove tasse, decise pre-pandemia e calcolate sui volumi oggi irrealistici: Sugar e Plastic Tax che dovrebbero entrare in vigore rispettivamente il 1 gennaio 2022 e il 1 luglio 2021.

"Le nuove Sugar e Plastic Tax produrranno ulteriori contrazioni della domanda del 10%, danneggiando ulteriormente la filiera. Con l’entrata in vigore della Sugar Tax, inoltre, le aziende si troverebbero a dover sostenere un aumento medio del 28% della pressione fiscale per ogni litro prodotto in Italia, cui si aggiungerebbe un raddoppio dei costi di approvvigionamento della plastica, anche se riciclabile al 100%. È insostenibile”, dichiara Pierini, "in un momento in cui il potere di acquisto dei cittadini è diminuito e la pressione fiscale è già alle stelle".

Pierini ha poi evidenziato l’esigenza di garantire un clima di fiducia per le imprese, necessario per poter lavorare alla ripartenza in una fase che rimane comunque di incertezza. Da ultimo ha richiamato l’importanza di fare squadra tra categorie del beverage nella definizione di progetti coordinati sui temi della sostenibilità e della digitalizzazione così da poter ottimizzare e mettere a fattor comune esperienze utili. "In questo contesto, più che mai, è importante definire insieme priorità e strategie da portare all’attenzione del Governo. Assobibe continuerà a essere accanto a gli operatori della filiera, a fornire il suo supporto strategico e operativo a sostegno di un comparto che sta pagando un prezzo troppo alto e che rischia di non rialzarsi", conclude il presidente.