Associazione biologico: serve subito la legge sul bio

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 giu. (askanews) - All'agricoltura biologica serve una legge che la valorizzi ulteriormente e orienti il settore, cresciuto fortemente negli ultimi anni. Una legge che spinga la ricerca, la formazione, il sistema dei controlli. E questo non solo perché c'è un mercato sempre più aperto a prodotti puliti e buoni, ma soprattutto perché cresce la consapevolezza dei cittadini sui danni apportati all'ambiente e alla salute dai decenni d'industrializzazione selvaggia dell'agricoltura, un'attività che invece vive dell'equilibrio ambientale e naturale. Se il nostro Paese facesse altre scelte, perderebbe l'occasione unica offerta dal Green Deal europeo, che "con la strategia Farm to Fork e il Piano d'azione Europeo per il biologico mira a una crescita consistente del settore e prevede di conseguenza un adeguato sostegno economico dedicato a questa agricoltura sostenibile certificata.

È questo il cuore dell'appello lanciato oggi da Aiab, AssoBio e FederBio, le associazioni che rappresentano l'intero settore dell'agricoltura e della produzione biologica e biodinamica nel nostro Paese a sostegno del disegno di legge approvato dal Senato lo scorso 20 maggio con 195 voti favorevoli, uno contrario e un astenuto. Ora la legge torna alla Camera, dove era stata approvata con un voto bipartisan ormai due anni fa. Ma il via libera finale della norma potrebbe essere ostacolato a vari livelli, soprattutto dall'alzata di scudi di una parte del mondo scientifico sull'equiparazione del biologico con il biodinamico. "Una polemica che - come spiega lo stesso appello - ha pochi motivi di essere".

"L'agricoltura biologica è normata e certificata nell'Unione europea ormai da 30 anni, così come l'agricoltura biodinamica", spiegano le associazioni, tanto è vero che "le normative riconoscono le pratiche agronomiche e i preparati della biodinamica", sottoposta anch'essa al sistema di certificazione obbligatorio, ed è per questo che i prodotti biodinamici riportano il logo europeo del bio, si legge nel documento lanciato dalle associazioni che rappresentano il biologico. "I prodotti biologici e biodinamici sono ottenuti sulla base di normative trasparenti e sottoposti a controlli e certificazione da parte di organismi accreditati, autorizzati e vigilati da Autorità pubbliche nazionali. Come non avviene per la maggior parte dell'agricoltura convenzionale e dei prodotti alimentari consumati anche in Italia".