Assolto l’ex agente di Sara Tommasi: era accusato di violenza sessuale

Sara Tommasi storia agente assolto

L’ex agente di Sara Tommasi, accusato di violenza sessuale, cessione di droga ed estorsione, è stato assolto dalla Corte d’Appello. Secondo il giudice “il fatto non sussiste“, stessa formula utilizzata nella sentenza di primo grado.

Assolto l’ex agente di Sara Tommasi

Fabrizio Chinaglia era stato accusato di aver abusato della showgirl, di cui nel 2013 era diventato agente per promuoverne l’immagine. Con lei aveva poi instaurato una breve relazione, salvo poi essere imputato per essersi approfittato della sua condizione di inferiorità psichica. Stando a quanto riportato dagli atti, avrebbe costretto la ragazza ad assumere droga, colpendola anche alla testa in caso di rifiuto. Così l’avrebbe obbligata a rapporti sessuali.

Ma per i giudici non è così. Già in primo grado avevano parlato di mancanza di riscontri su quanto denunciato e di dichiarazioni “prive di costanza e precisione“. Delle violenze fisiche non ci sarebbe stato infatti alcun concreto riscontro. Né a livello di certificati medici né a livello testimoniale. E anche la V sezione della Corte d’Appello di Milano ha confermato questa versione, assolvendo con formula piena l’ex agente lecchese.

Sconfessate dunque le richieste del pubblico ministero che inizialmente aveva chiesto una condanna a otto anni di reclusione, presentando ricorso contro la sentenza di primo grado. L’avvocato di Chinaglia, Giuliana Casti, si dice soddisfatta per la caduta delle pesanti accuse, convinta che possa presto arrivare “la fine di un incubo“.