Assolto Marco Cappato, la Corte d’Assise: “Non fu aiuto al suicidio”

marco cappato assolto

La sentenza è stata pronunciata dai giudici della Corte d’Assise, dopo la decisione già presa dalla Consulta. Marco Cappato, imputato per aiuto al suicidio nei confronti di Dj Fabo (Fabiano Antoniani), è stato assolto “perché il fatto non sussiste“.

Assolto Marco Cappato

La sentenza di assoluzione è stata pronunciata “perché il fatto non sussiste” ed è stata seguita da un lungo applauso. “È una giornata storica e un grande risultato perché la decisione della Corte realizza pienamente il significato dell’articolo due della Costituzione che mette l’uomo al centro della vita sociale e non anche lo Stato. Ora è compito del legislatore colmare le lacune che ancora ci sono“. Soddisfatta anche la fidanzata di Antoniani: “Fabiano mi avrebbe chiesto di festeggiare, siamo arrivati alla vittoria per lui: ha sempre combattuto, sono felice. La battaglia continua per tutti gli altri, quando ha iniziato voleva proprio che fosse una battaglia di libertà per tutti e oggi ci è riuscito“.

La sentenza

Alla luce delle conclusioni della Corte Costituzionale del 2019, Marco Cappato deve essere assolto perché il fatto non sussiste. Chiediamo l’assoluzione in maniera convinta ritenendo che il fatto non sussiste, la fattispecie incriminatrice non corrisponde agli elementi fattuali di cui siamo in possesso”. Secondo i giudici, infatti, Dj Fabo avrebbe avuto facoltà di scegliere e la sua decisione sarebbe stata presa in conformità alle condizioni individuate dalla Consulta per escludere che l’accompagnamento di un malato a morire sia considerato un reato. “Fino alla mattina della morte – hanno spiegato – Cappato gli ha prospettato la possibilità di scegliere una via alternativa“. L’udienza è stata interrotta per qualche minuto a causa della notizia della morte della madre di Marco Cappato, ricoverata in ospedale a Milano: i legali hanno chiesto che Cappato potesse uscire temporaneamente dall’aula per metabolizzare la notizia. Pochi secondi dopo è rientrato e ha assistito al dibattimento.