Assoluzione oste, Calderoli: sia un precedente per giurisprudenza

Mda

Milano, 24 gen. (askanews) - "Giustizia è fatta, anche se con quasi tre anni di ritardo. Sono contento che il giudice abbia assolto con formula piena da ogni accusa, nonostante la richiesta del pubblico ministero della Procura di Lodi che voleva una condanna a tre anni per omicidio colposo per eccesso di legittima difesa, il ristoratore di Casaletto Lodigiano, Mario Cattaneo". Così il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato, in una nota. "Mando un grande abbraccio all'amico Mario Cattaneo, che in questi anni ho avuto il piacere di conoscere come uomo perbene, e sono orgoglioso di essere sempre stato al suo fianco. Cattaneo - secondo Calderoli - si è difeso a casa propria, ha difeso la propria vita e la propria famiglia da malintenzionati che non avrebbero dovuto entrare in casa sua eppure in questi tre anni ha dovuto subire indagini e tutto l'iter giudiziario che lo ha portato a questo processo, non dimentichiamolo. Questa assoluzione - ha proseguito - è una vittoria della giustizia e del buon senso, ma anche una vittoria della a Lega che si è battuta in Parlamento per far modificare la legge sulla legittima difesa per fare in modo che si difende in casa propria non debba finire sul banco degli imputati. Adesso - ha concluso - questa assoluzione deve rappresentare un precedente per la nostra giurisprudenza, per evitare che chi si difende in casa propria debba restare per tre anni indagato e accusato".