Astorre (Pd): inchiesta Alba Pontina, tirati in causa FdI e Lega

Bet

Roma, 10 gen. (askanews) - "La provincia di Latina, che è una delle province più attive da un punto di vista economico, penso al settore farmaceutico, agroalimentare e non solo, non può permettersi che la criminalità organizzata influenzi così la vita economica e politica: chi da più di 20 anni governa Latina e la sua provincia ha una responsabilità oggettiva, affinché questa lotta venga fatta per stroncare la criminalità e consenta alle energie vive di emergere". Parole del senatore dem, Bruno Astorre, segretario del Pd Lazio parlando con i cronisti in occasione della conferenza stampa dal titolo "Parlateci della mafia" sull'inchiesta "Alba Pontina", sul presunto voto di scambio che coinvolgerebbe esponenti della destra a Latina, alla quale hanno preso parte anche il vicepresidente dei senatori Pd e capogruppo in commissione antimafia, Franco Mirabelli, e con il segretario provinciale del partito Claudio Moscardelli. Per Astorre "i partiti chiamati in causa dai pentiti sono FdI e la Lega: ovvero candidati che stavano alle europee del 2016 con la Lega, ex deputati di Fdi e dagli 'omissis' stanno emergendo anche altri personaggi del centrodestra della provincia di Latina" ha detto Astorre.