Astrazeneca ai giovani, il Cts decide. Sileri: "Probabili nuovi limiti d'età"

Boxes of AstraZeneca's vaccine against the coronavirus disease (COVID-19) are seen at a walk-in vaccination centre in Algiers, Algeria June 6, 2021. Picture taken June 6, 2021. REUTERS/Ramzi Boudina (Photo: RAMZI BOUDINA via REUTERS)
Boxes of AstraZeneca's vaccine against the coronavirus disease (COVID-19) are seen at a walk-in vaccination centre in Algiers, Algeria June 6, 2021. Picture taken June 6, 2021. REUTERS/Ramzi Boudina (Photo: RAMZI BOUDINA via REUTERS)

A Napoli, nel week end dell’open day riservato ai giovani, saranno utilizzati solo i vaccini Pfizer e Moderna. AstraZeneca per adesso è stato sospeso. In Liguria sono arrivate in meno di quarantotto ore settecento disdette. In altre Regioni invece si va avanti regolarmente. La notizia della ragazza 18enne in coma dopo una dose di AstraZeneca e ricoverata al policlinico San Martino di Genova ha scosso l’Italia intera ma soprattutto ha riaperto il dibattito all’interno del Comitato tecnico scientifico. All’ordine del giorno della riunione di oggi infatti non c’era il tema che riguarda il vaccino AstraZeneca somministrato ai più giovani ma in seguito ai casi di trombosi verificatisi soprattutto in alcune giovani donne la questione è piombata in maniera dirompente sul tavolo del Cts che, in breve tempo, potrebbe esprimersi delineando una nuova strategia, escludendo forse le fasce d’età più basse.

Le Regioni si stanno muovendo in ordine sparso ed è per questo che, prima del week end, prima quindi degli open day, il Cts dovrà indicare al ministero della Salute cosa fare e toccherà poi al ministro Roberto Speranza emanare una circolare. Le posizioni sono già piuttosto chiare. Il coordinatore del Cts e presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, a Rainews24 ricorda che il vaccino a vettore virale è “già preferenzialmente raccomandato per i soggetti sopra i 60 anni di età, perché il rapporto tra i benefici derivanti dalla vaccinazione ed eventuali rischi diventa incrementale con l’età e particolarmente favorevole sopra questa soglia”. Tuttavia questa raccomandazione non esclude la somministrazione agli under 60, anzi tutt’altro. Si sta procedendo con la vaccinazione massiccia soprattutto dei giovanissimi. Lo scienziato sottolinea poi che vi è “in queste ore un’attenzione sup...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.