AstraZeneca, Gb: "Abbiamo contratto in esclusiva"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Il Regno Unito ha con AstraZeneca un contratto "di esclusiva" per la fornitura del vaccino contro il coronavirus, mentre l'Unione europea ne ha stipulato uno che si basa sui "migliori sforzi" da parte della casa farmaceutica. Per questo, gli accordi stipulati dal governo britannico prevarrebbero su quelli europei. Lo ha detto in un'intervista al Financial Times il ministro britannico della Salute, Matt Hancock, spiegando che Londra e Bruxelles stanno cercando di risolvere la disputa riguardo alle consegne delle dosi del vaccino anglo-svedese.

Tuttavia, ha aggiunto Hancock, l'Unione europea non dovrebbe sospendere le esportazioni verso la Gran Bretagna del vaccino prodotto nello stabilimento olandese, proprio per la natura degli accordi contrattuali stipulati con la casa farmaceutica. "Ritengo che le nazioni che si basano sul libero commercio seguano il diritto contrattuale", ha detto il ministro britannico. "Loro hanno un contratto di 'migliori sforzi' e noi abbiamo un accordo di esclusiva", ha affermato Hancock, aggiungendo che "il nostro contratto prevale sui loro. Si chiama diritto contrattuale. E' molto semplice", ha sottolineato il responsabile della Sanità britannica.

L'intervista di Hancock fa seguito alle polemiche di ieri tra Londra e Bruxelles, che sembrano poi essersi placate con la diffusione di una nota congiunta nella quale le parti affermano di essere alla ricerca di una situazione soddisfacente per tutti, per "estendere la fornitura di vaccini a tutti i nostri cittadini".

n Danimarca resteranno sospese per altre 3 settimane le vaccinazioni con il siero anti-Covid di AstraZeneca, nonostante l'Agenzia europea del farmaco Ema abbia assicurato che il prodotto anglo-svedese è "efficace e sicuro". Lo hanno riferito fonti citate dall'emittente locale 'Tv2'. Lo stop all'uso del vaccino anti-Covid in Danimarca era stato dichiarato lo scorso 11 marzo per il rischio di effetti collaterali potenzialmente seri.

Nel paese, intanto, una persona su tre rifiuterebbe il vaccino messo a punto dall'azienda angloscedese e dall'Università di Oxford, secondo quanto emerge da un sondaggio diffuso dall'emittente TV 2 e da Politiken. L'indagine condotta su 1.053 persone ha infatti mostrato che il 33 per cento dei danesi rifiuterebbe di farsi vaccinare con AstraZeneca.

Circa 150.000 persone in Danimarca hanno già ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. Per oggi attesa una decisione in merito al prolungamento della sospensione o alla sua reintroduzione. Due settimane fa, la Danimarca è stata tra i primi paesi in Europa a sospendere l'uso del vaccino di AstraZeneca.