AstraZeneca, Oms: benefici vaccino molto superiori a rischi

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 mar. (askanews) - L'Organizzazione mondiale della Sanità ha rinnovato oggi il suo invito a continuare a utilizzare il vaccino AstraZeneca contro il Covid-19, a poche ore dall'atteso parere dell'Agenzia europea dei Medicinali (Ema) e nell'immediata vigilia del suo prossimo pronunciamento, atteso per domani.

Il Comitato consultivo mondiale dell'Oms sulla sicurezza dei vaccini (GACVS) dovrebbe pubblicare domani - probabilmente a fine giornata - le conclusioni della sua valutazione sulla sicurezza del vaccino di AstraZeneca, ha affermato l'agenzia delle Nazioni Unite. Attualmente, "i benefici del vaccino AstraZeneca superano di gran lunga i rischi e il suo utilizzo deve continuare a salvare vite umane", ha affermato in conferenza stampa il direttore della sezione europea dell'organizzazione, Hans Kluge.

L'Agenzia europea per i medicinali (Ema) emetterà il suo verdetto sul vaccino AstraZeneca contro il Covid-19 nel pomeriggio di oggi, dopo la sospensione da parte di diversi paesi dell'Ue a seguito di alcuni problemi di coagulazione del sangue. "Nelle campagne di vaccinazione, la segnalazione di potenziali effetti collaterali è routine. Ciò non significa necessariamente che questi eventi siano collegati alla vaccinazione", ha commentato Kluge, mentre l'Oms continua regolarmente a chiedere l'utilizzo del vaccino AstraZeneca.

"In questo momento, non sappiamo se alcuni o tutti i casi siano stati causati dal vaccino o da altri fattori. L'Oms sta valutando gli ultimi dati sulla sicurezza e, una volta completata questa valutazione, i risultati saranno resi pubblici", ha affermato Kluge.

Il Comitato consultivo sulla sicurezza dei vaccini è stato istituito nel 1999 per affrontare i problemi di sicurezza posti dai vaccini che possono essere di importanza globale. Composto da circa 15 membri provenienti da tutto il mondo, fornisce consulenza indipendente su questioni di sicurezza dei vaccini ed eventuali implicazioni a breve e lungo termine per i programmi di immunizzazione nazionali.