AstraZeneca raddoppia l’utile netto nel primo trimestre

·1 minuto per la lettura
featured 1308877
featured 1308877

Milano, 30 apr. (askanews) – Il gruppo farmaceutico anglo-svedese AstraZeneca ha annunciato il raddoppio dell’utile netto nel primo trimestre, periodo nel quale le vendite di vaccini contro il Covid-19, non profit, hanno raggiunto i 275 milioni di dollari.

Il gruppo ha chiuso il trimestre con un utile netto di 1,56 miliardi di dollari grazie al balzo della vendite di nuovi trattamenti, in particolare oncologici, nei Paesi emergenti. Il risultato batte le attese degli analisti e la società ha confermato la sua previsione di chiudere l’anno con un aumento dei ricavi a due cifre.

Il gruppo ha riferito un aumento dei ricavi, escluso il vaccino sviluppato con l’università di Oxford, pari a 7,3 miliardi di dollari, in crescita del 15% su base annua e oltre le stime degli analisti che puntavano su sette miliardi.

AstraZeneca vende il suo vaccino su base non profit durante le pandemia, a prezzi inferiori rispetto ai suoi competitor, tra i tre e i quattro dollari per dose. Il contributo delle vendite del vaccino ai conti è pertanto molto più modesto di quello dei concorrenti: Pfizer quest’anno si attende 15 miliardi di dollari dalle vendite del suo vaccino, Moderna 18,4 miliardi.