Astrazeneca, terza dose efficace contro Omicron secondo dati preliminari

·1 minuto per la lettura
La silhouette di un uomo con una siringa davanti al logo Astrazeneca

(Reuters) - AstraZeneca ha comunicato che i dati preliminari di una sperimentazione dimostrano che Vaxzevria, il vaccino contro il Covid-19 prodotto dal gruppo farmaceutico, genera un incremento degli anticorpi contro Omicron e altre varianti se somministrato come dose di richiamo.

Il miglioramento della risposta anche contro la variante Delta è emerso in seguito ad analisi del sangue di persone già vaccinate con Vaxzevria o con un altro vaccino a mRNA, ha detto il gruppo farmaceutico, aggiungendo che presenterà questi dati alle autorità a livello mondiale data l'urgente necessità di dosi di richiamo.

AstraZeneca ha sviluppato il vaccino con i ricercatori dell'Università di Oxford, i cui studi di laboratorio condotti a dicembre avevano già dimostrato che la somministrazione di tre dosi Vaxzevria rafforzava i livelli di anticorpi nel sangue contro la variante Omicron in rapida diffusione.

Il breve comunicato pubblicato oggi, che non fornisce dati specifici, è il primo di AstraZeneca in merito al potenziale protettivo di Vaxzevria come vaccino di richiamo dopo due dosi di un vaccino a base mRNA o dello stesso Vaxzevria. I vaccini basati su tecnologia mRNA sono sviluppati da BioNTech-Pfizer e da Moderna.

La società anglo-svedese afferma che i risultati "si aggiungono alle crescenti prove a favore di Vaxzevria come terza dose di richiamo, indipendentemente dalla somministrazione del primo ciclo di vaccinazione".

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli