Astuti: in Lombardia ancora caos su vaccini a over 80 e disabili

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 mar. (askanews) - "Anche oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta certa, il quadro è sconfortante e intanto la Lombardia continua a procedere senza alcuna strategia. E' di questa mattina il richiamo di Draghi alle Regioni che danno priorità ad altre categorie rispetto agli over 80, e la Lombardia è sicuramente fra queste: ancora oggi in Commissione era in programma la discussione di una mozione della maggioranza che chiedeva di privilegiare l'ennesima categoria non prevista dalle direttive nazionali, come era già accaduto più volte in Consiglio". E' quanto ha dichiarato in una nota il consigliere regionale lombardo e capodelegazione del Pd in Commissione sanità, Samuele Astuti, in merito all'audizione settimanale del direttore generale Welfare che si è tenuta questa mattina a palazzo Pirelli.

"Stesso caos per quanto riguarda i 'riservisti', coloro che devono essere chiamati nel caso in cui rimangano dosi residue: non essendoci alcuna indicazione univoca e chiara da parte della Regione, ogni Asst segue propri criteri, difficili da verificare" ha proseguito Astuti, sottolineando che "sui tempi dei vaccini per le persone disabili non c'è alcuna certezza: solo oggi sono stati chiesti all'Inps gli elenchi dei beneficiari della legge 104, dati che peraltro la Regione dovrebbe già avere, avendo da tempo attivato diverse misure in loro favore ma nella totale confusione non riesce neppure a trovare".

"Tutto questo - ha concluso il consigliere dem - mentre continua a esserci una grande confusione sui dati relativi alle vaccinazioni degli over 80: la Moratti sostiene che ne è stato vaccinato il 50% ma questo dato si riferisce a chi ne ha fatto richiesta o era ospite di un Rsa, e non al totale".