Atletica: Diamond League, Desalu e Tamberi in gara a Losanna (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La due giorni di Losanna inizia mercoledì con il salto in alto nella piazza centrale, alle ore 18, per uno spettacolare “city event”. Come noto, è qui che sarà la prima uscita da campione olimpico di Gianmarco Tamberi. Si rinnova il duello con Mutaz Barshim, fenomeno del Qatar con cui il marchigiano delle Fiamme Oro a quota 2,37 ha condiviso il successo di Tokyo, gesto-simbolo dell’amicizia tra i due fuoriclasse. Tutto il podio dei Giochi in pedana, anche il bronzo del bielorusso Maksim Nedasekau. In caccia di una misura significativa il torinese Marco Fassinotti (Aeronautica), tornato quest’anno a 2,26 conquistando il tricolore a Rovereto. Tra gli atleti “top” annunciati i russi Ilya Ivanyuk (leader mondiale dell’anno a quota 2,37 in coabitazione con i tre medagliati olimpici) e Mikhail Akimenko, insieme all’ucraino Andriy Protsenko.

Nel meeting Athletissima di giovedì sera rientra in azione il pesista Zane Weir, protagonista dell’ottimo quinto posto alle Olimpiadi dove l’italo-sudafricano dell’Enterprise Sport & Service si è migliorato a più riprese arrivando a 21,41 in finale, dopo essere già cresciuto in qualificazione con 21,25. Anche qui il cast è di primissimo piano (ore 19.25): ci saranno i quattro colossi che hanno preceduto l’azzurro a Tokyo.

Il primatista mondiale (23,37) e due volte olimpionico Ryan Crouser sbarca dall’Oregon dove sabato si è confermato ancora sopra i 23 metri (23,15), atteso con il connazionale Joe Kovacs (Usa) e il neozelandese Tom Walsh, che lo hanno di nuovo affiancato sul podio come a Rio, e con il brasiliano Darlan Romani. Seconda presenza consecutiva in Diamond League nei 1500 metri per Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre), ormai stabilmente nel massimo circuito dopo gli eccellenti risultati di questa stagione fino al 4:02.25 con cui l’abruzzese ha mancato di poco la finale olimpica, miglior crono italiano dal 1984 e seconda azzurra di sempre. A pochi giorni dal Prefontaine Classic di sabato a Eugene (decima con 4:04.55) la campionessa europea under 23 troverà tra le altre (alle 20.30) l’etiope Freweyni Gebreezibeher e l’australiana Linden Hall, rispettivamente quarta e sesta a Tokyo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli