Atletica: Golden Gala, Tortu, Desalu e Patta in gara nei 200 metri

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 mag. – (Adnkronos) – Duecento metri di fuoco. Tutti d’un fiato, sulla pista dell’Olimpico che sui 200 rievoca storie leggendarie, per accendere la serata del Golden Gala intitolato a Pietro Mennea, tuttora primatista d’Europa della specialità (19.72). La quinta tappa della Wanda Diamond League, giovedì 9 giugno, godrà di uno spettacolo-extra, non inserito nel programma del “diamante” ma di sicuro appeal per tutto il pubblico del Foro Italico che potrà ammirare dal vivo tre campioni olimpici di Tokyo: Filippo Tortu, Fausto Desalu e Lorenzo Patta.

In un attimo, alle 20.33, si tornerà col pensiero a quella magica giornata del 6 agosto scorso, quando gli staffettisti azzurri hanno entusiasmato milioni di italiani incollati alla tv in un rovente pomeriggio d’estate, compiendo una delle più grandi imprese di sempre dello sport azzurro. I tre velocisti delle Fiamme Gialle, medaglia d’oro con la 4×100 a Tokyo insieme a Marcell Jacobs (iscritto nei 100), saranno schierati sui blocchi dell’Olimpico, stavolta da avversari, l’uno contro l’altro, prima di tornare ad abbracciarsi e unire le forze per il comune obiettivo della staffetta ai Mondiali di Eugene e agli Europei di Monaco di Baviera.

Nella storia azzurra, soltanto Pietro Mennea ha corso più veloce di Tortu nei 200 metri: nella scorsa stagione il 23enne brianzolo si è portato a 20.11 sulla pista di Nairobi, due centesimi meglio di quanto aveva fatto Desalu agli Europei di Berlino nel 2018 (sesto in 20.13). Ancora tutte da esplorare invece le qualità di Patta su una distanza che è tornato a correre domenica scorsa dopo quattro anni, scendendo a 20.98.

Il Golden Gala, per tutti, è il momento giusto per lanciarsi con decisione verso le rassegne internazionali dell’anno e per sfidare il trinidegno Jereem Richards (19.97 nel 2017), fresco campione del mondo indoor nei 400 e bronzo mondiale cinque anni fa nei 200 a Londra, quando trionfò con la 4×400 del suo Trinidad e Tobago. A completare il cast sono il sudafricano Luxolo Adams e lo svizzero William Reais, rinuncia invece il canadese Aaron Brown.

Nello stadio in cui il suo mito Livio Berruti trionfò con la memorabile volata di Roma ’60, Tortu torna a correre i 200 dopo il quinto posto del 2019 (20.36) e il quarto del 2017 (20.34). L’ultima volta all’Olimpico per Desalu risale invece al 2016 (ottavo in 20.86). È una “prima volta” invece per Lorenzo Patta al Golden Gala. L’Italia ha vinto in tre occasioni: con Pietro Mennea nella mitologica edizione inaugurale del 1980 (20.01) e nel 1983 (20.32), quindi, quasi trent’anni dopo, con il volo di Andrew Howe a 20.31 nel 2011. Gli ultimi 200 ospitati dal Golden Gala (nel 2019) hanno offerto il crono più spumeggiante, nel magico duello tutto a stelle e strisce tra Michael Norman (19.70 record del meeting) e Noah Lyles (19.72) sotto la tribuna Monte Mario.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli