Atletica: Mennea day, il 12 settembre l'Italia corre con Pietro

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 set. – (Adnkronos) – Giornate scolpite nella storia. Imprese che non si dimenticano. Il 12 settembre sarà per sempre il Mennea Day, il giorno che celebra il leggendario 19.72 della Freccia del Sud a Città del Messico nel 1979. Record del mondo per quasi diciassette anni (fino al ciclone Michael Johnson del 1996), tutt’ora record europeo e primato italiano, una prestazione che va ben oltre i confini dello sport.

Dopo quarantadue anni, quella volata è sempre nei cuori degli appassionati d’atletica e di tutti gli italiani, che del grande Pietro hanno apprezzato la tenacia oltre ogni limite, la dedizione al lavoro e l’intelligenza sconfinata. Anche quest’anno, su molte piste italiane, si gareggerà in memoria dell’azzurro campione olimpico di Mosca 1980, con tante gare di duecento metri aperte ad atleti di tutte le età, in un momento speciale per lo sprint azzurro dopo i trionfi alle Olimpiadi.

Sarà proprio uno degli staffettisti d’oro a Tokyo il testimonial del Mennea Day 2021 a Barletta, culla di Pietro Mennea. Fausto Desalu (Fiamme Gialle) è colui che in Italia è andato meno lontano dal risultato di Pietro, correndo in 20.13 e diventando il secondo azzurro di sempre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli