"Ambasciatore e carabiniere uccisi dai rapitori"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·4 minuto per la lettura

Sono stati i rapitori ad uccidere l'ambasciatore italiano Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci. Questa la prima ricostruzione dei fatti da parte delle autorità della Repubblica democratica del Congo. Secondo quanto reso noto - riporta il sito Cas-Info - gli assalitori hanno fermato il convoglio, ucciso l'autista e costretto gli altri occupanti del veicolo a seguirli nel parco. Allertati, le Ecoguardie e gli uomini delle Fardc presenti in zona si sono messi al loro inseguimento. A 500 metri, "i rapitori hanno sparato a bruciapelo contro la guardia del corpo, deceduto sul posto, e contro l'ambasciatore, ferito all'addome. Quest'ultimo è morto per le conseguenze delle sue ferite, un'ora più tardi, all'ospedale della Monusco a Goma".

Gli aggressori del convoglio su cui viaggiava il diplomatico italiano Luca Attanasio "erano 6 in possesso di cinque armi del tipo AK47 e di un machete" indicano le conclusioni delle prime indagini compiute dagli inquirenti della Repubblica democratica del Congo e riportate dal sito Cas-Info che cita una nota del governatore della provincia di sud-Kivu

L'ambasciatore Luca Attanasio, rendono noto le autorità di Kinshasa, citando i risultati delle prime indagini, "era arrivato a Goma il venerdì 19 febbraio alle 10.30 a bordo del jet della Monusco immatricolato 5Y/SIM". "Alle 9.27 di lunedì 22 febbraio un convoglio di due veicoli del Pam è partito da Goma per il comune di Kiwanja, nel territorio di Rutshuru con a bordo la guardia del corpo dell'ambasciatore e gli autisti oltre ad agenti del Pam e allo stesso ambasciatore".

Un team della presidenza della Repubblica democratica del Congo partirà oggi per Goma per seguire l'inchiesta sull'agguato ha reso noto il sito Cas-Info. I servizi competenti, si legge, sono stati istruiti a fare in modo "che sia fatta luce su questo crimine odioso nei migliori tempi possibili" e i responsabili siano "identificati e portati davanti alla giustizia".

Un comitato di crisi, presieduto dal comandante supremo delle Forze, si è riunito ieri e ha esaminato il rapporto del governatore del Nord Kivu Carly Nzanzu Kasivita. Due decisioni importanti sono state prese, oltre alla partenza di un inviato della presidenza per Roma, con una lettera per il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, "l'invio di un team della presidenza a Goma, oggi, per seguire l'inchiesta e riferire regolarmente al capo dello Stato".

Il ministero degli Esteri non risparmierà alcuno sforzo, in coordinamento con tutti i competenti apparati dello Stato, per arrivare ad una corretta ricostruzione del tragico attacco nella Repubblica democratica del Congo nel quale hanno perso la vita l'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci. Lo comunica la Farnesina in una nota.

A tale riguardo, come in ogni tragica circostanza che coinvolge nostri connazionali all’estero, e nel rispetto del dolore delle famiglie delle vittime, la Farnesina auspica la massima cautela nel dare spazio a ricostruzioni mediatiche che potrebbero rivelarsi approssimative o addirittura fuorvianti. ''Nelle prossime ore è del resto prevista una informativa del ministro Di Maio in cui verranno fornite al Parlamento tutte le informazioni al momento disponibili'', prosegue la nota.

Le Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (Fdlr) negano ogni responsabilità nell'attacco e chiedono alle autorità congolesi e alla Monusco, la missione Onu nel paese, "di fare piena luce sulle responsabilità di questo ignobile assassinio invece che ricorrere ad accuse affrettate". Le Fdlr affermano che i propri combattenti non sono implicati in alcun modo nell'attacco compiuto ieri nel Paese contro il convoglio a bordo del quale viaggiava l'ambasciatore italiano Luca Attanasio e puntano il dito contro i militari.

Da "fonti concordanti", affermano, risulta che il convoglio sia stato attaccato in una zona detta delle "tre antenne" vicino Goma, sulla frontiera con il Ruanda, "non lontano da una postazione delle Forze armate della Repubblica democratica del Congo (Fardc) e dei militari ruandesi delle Forze di Difesa ruandesi".

"Le responsabilità di questo ignobile assassinio è da ricercare nei ranghi di questi due eserciti e i loro sponsor che hanno stretto un'alleanza contro natura per prolungare all'infinito il saccheggio dell'est della Repubblica democratica del Congo", denunciano.

Il presidente della Repubblica del Congo Felix Antoine Tshilombo Tshisekedi si recherà oggi a far visita a Zakia Seddiki, la moglie dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio. Lo hanno detto all'Adnkronos fonti dell'ambasciata italiana a Kinshasa.

''Il presidente della Repubblica si recherà nella residenza dell'ambasciatore per incontrare la moglie, come vuole la tradizione africana'', hanno spiegato.

Due civili sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco e diverse persone sono rimaste ferite in un'altra imboscata nel Nord Kivu. Lo ha riferito il sito di notizie locale 'Actualite', secondo il quale l'attacco è stato attribuito alle 'Allied democratic forces', un gruppo di origine ugandese attivo da decenni nella regione e che da due anni sarebbe affiliato all'Isis.

Secondo il sito, che cita un testimone che è riuscito a mettersi in salvo, l'agguato è avvenuto lungo la strada Beni-Kasindi. La fonte ha spiegato che gli aggressori hanno sparato per fermare un convoglio - che poi è stato saccheggiato - sul quale viaggiavano diversi "commercianti". Le vittime sono uno degli autisti e un suo passeggero.