Attacco di Morales a Trump: golpe in Bolivia una cospirazione Usa

Milano, 14 nov. (askanews) - Evo Morales, dal suo esilio messicano, attacca l'amministrazione Trump accusandola di aver architettato quello che definisce "il colpo di Stato che sta uccidendo i miei fratelli boliviani".

"È una cospirazione politica ed economica degli Stati uniti" ha scritto in un tweet in cui condanna la decisione del governo statunitense di riconoscere Jeanine Anez, autoproclamatasi presidente ad interim della Bolivia, dopo le sue dimissione forzate.

"L'unico modo per fermare la crisi è un dialogo nazionale - ha detto Morales dal Messico - a cui possono partecipare paesi alleati e organizzazioni internazionali. All'Onu voglio dire: non accettate questo genere di colpi di Stato".

Intanto, mentre per le strade di La Paz vanno in scena violenti scontri fra agenti e manifestanti sostenitori dell'ormai ex presidente, Anez ha nominato 11 nuovi ministri assicurando che il suo è un mandato "strettamente provvisorio", con l'obiettivo di "ristabilire la pace, la democrazia e la libertà".