Attacco durante cerimonia a Gedda, c'era anche console italiano

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Sono due le persone lievemente rimaste ferite nell'attacco a Gedda, in Arabia Saudita. Lo ha riferito la tv di Stato della monarchia del Golfo, precisando che si tratta di un dipendente del consolato greco e di un agente della sicurezza saudita.

L'attacco è avvenuto mentre era in corso una cerimonia di commemorazione dell'armistizio della Prima guerra mondiale.

Alla cerimonia erano presenti il console italiano Stefano Stucci, rimasto illeso come riferiscono fonti della Farnesina, e il console francese.

"C'è stata una sorta di esplosione. Quattro persone sono rimaste leggermente ferite, tra loro un cittadino greco", ha dichiarato un testimone greco che ha preferito restare anonimo.

Secondo i media locali, sarebbe stata lanciata una granata all'interno del cimitero.

Quello odierno è il secondo attacco contro interessi francesi nella città sul Mar Rosso nel giro di poche settimane. Il 29 ottobre, infatti, una guardia del consolato francese era stata ferita leggermente con un coltello. L'autore dell'attacco, un cittadino saudita sui 40 anni, era stato arrestato poco dopo i fatti. Quello stesso giorno un uomo attaccò alcuni fedeli all'interno della basilica di Nizza, provocando tre morti.

Una ferma condanna del "vile attacco" è stata espressa in un comunicato congiunto dalle ambasciate di Francia, Grecia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti. "Questi attacchi contro persone innocenti sono vergognosi e del tutto privi di giustificazione", si evidenzia nella nota. Le ambasciate hanno augurato quindi "pronta guarigione" ai feriti e ringraziato i "coraggiosi primi soccorritori sauditi" intervenuti subito dopo l'attacco.

Di "vile attacco" ha parlato anche la tv di Stato saudita.