Attacco Usa in Afghanistan: ucciso il leader talebano Mullah Nangyalai

attacco usa afghanistan

Nuovo raid statunitense, a pochi giorni da quello che ha ucciso il generale Soleimani a Baghdad. Mullah Nangyalai, comandante dei talebani, è morto in un attacco Usa in Afghanistan, effettuato con dei droni. Uccisi anche diversi miliziani e civili. La notizia è stata diffusa da funzionari locali. Si attendono, al momento, conferme ufficiali.

Attacco Usa in Afghanistan

“Su richiesta delle forze di sicurezza dell’Afghanistan, [le forze Usa, ndr] hanno eseguito un attacco aereo difensivo coordinato a supporto delle forze afghane a Shindand”, ha fatto sapere un portavoce dell’esercito americano. Il raid è avvenuto nel distretto di Zirkoh (a sud della città di Herat). Il bilancio provvisorio è di circa 30 vittime; i civili sarebbero almeno 8. Nessun commento, al momento, da parte del governo di Kabul.

Medio Oriente, crisi Usa-Iran

Resta altissima la tensione nella regione mediorientale dopo l’esplosione della crisi Usa-Iran con l’omicidio di Qassem Soleimani. Nei giorni successivi al “martirio” (così è stato definito dalle autorità iraniane) del generale, considerato l’uomo chiave del Medio Oriente, Teheran ha risposto con raid su due basi americane in Iraq che avrebbero ucciso 80 militari statunitense (notizia smentita, però, dal presidente Donald Trump in un discorso alla Casa Bianca). Nella serata di mercoledì 8 gennaio, altri tre razzi sono stati lanciati contro la cosiddetta Green Zone a Baghdad, dove sorge l’ambasciata di Washington.

Paura anche in Africa, dove un attacco contro una base militare Onu nel nord del Mali ha ferito 20 persone, tra cui 18 mediatori delle Nazioni Unite. L’attentato non è stato, al momento, rivendicato.