Attentato a Nizza: tre morti, due vittime decapitate. Paura ad Avignone e Lione

Primo Piano
·3 minuto per la lettura

Attacco a Nizza, nei pressi della chiesa di Notre-Dame. Il bilancio dell’attentato è di almeno tre morti e diversi feriti. L'autore dell'attacco, un 25enne di nome Brahim, è stato ferito dalla polizia ed è ricoverato in terapia intensiva.

Il killer di Nizza, “mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia, continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar": lo ha riferito il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, intervistato da BFM-TV. Per Estrosi, "non c'è alcun dubbio sulla natura terroristica dell'attacco".

Stando a quanto riferito da fonti degli apparati di sicurezza il killer è sbarcato a Lampedusa assieme ad altri migranti. Sono in corso tutti gli accertamenti per ricostruire i vari spostamenti del tunisino che si registrò per la prima volta proprio nell’isola siciliana.

Non è la prima volta che un tunisino sbarcato in Italia si è poi reso protagonista di atti di terrorismo in Europa: a febbraio del 2011, con Silvio Berlusconi premier e Roberto Maroni ministro dell'Interno, sempre a Lampedusa arrivò - assieme a migliaia di tunisini - Anis Amri, l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino nel 2016. Al momento dello sbarco Amri si dichiarò minorenne e fu trasferito in un centro per minorenni in Sicilia.

Paura anche ad Avignone e Lione

Intanto, un uomo armato di un coltello è stato ucciso dalla polizia ad Avignone: è quanto riferisce radio Europe 1, precisando che l'uomo avrebbe tentato di attaccare dei polizioti in strada, verso le 11:15. L'aggressore avrebbe gridato 'Allah Akbar'.

Un uomo è stato arrestato anche a Lione perché minacciava i passanti con un coltello. L'uomo aveva un coltello di 30 centimetri. Lo riferiscono media locali nella città francese.

GUARDA ANCHE - Lockdown in Francia: l’annuncio

Nizza, chi sono le tre vittime

Le tre vittime dell’attentato a Nizza sono il sacrestano di Notre-Dame e due donne, una settantenne e una mamma di 40 anni.

La donna di circa 70 anni è stata ferita profondamente alla gola e quasi decapitata. Il suo corpo giaceva nei pressi dell'acquasantiera. Il sacrestano aveva circa 50 anni ed era padre di due bambini. E' stato sgozzato.

Infine, la donna di circa 40 anni è morta all'esterno della basilica dopo essere fuggita per rifugiarsi in un bar, dove è deceduta per le conseguenze delle ferite profonde alla gola. Prima di morire il suo ultimo pensiero è stato per i suoi bambini: "Dite ai miei figli che li amo".

Attentato a Nizza: la situazione

Tra le vittime, due sono state decapitate: lo ha detto ai microfoni di BFMTV Laurent Martin de Fremont, ufficiale di polizia di Nizza. In un primo momento sembrava che ad essere decapitato fosse stato un uomo. Ci sono altri feriti nell'attentato nella chiesa di Notre-Dame. L'aggressore, ha detto i funzionario, è stato ferito e si trova in ospedale. Non si esclude la presenza di complici.

Le autorità francesi lanciano un forte appello ad evitare la zona dell'attacco nei pressi della Basilica di Notre-Dame, a Nizza.

"Evitate il settore e seguite le indicazioni", ha scritto il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin. Stesso messaggio sul profilo Twitter della Police Nationale. "Operazione polizia in corso. Evitate il settore Notre-Dame-Centro-Città-Nizza". Intanto, una cellula di crisi è stata aperta a Place Beauvau, sede parigina del ministero dell'Inerno. Un minuto di silenzio osservato all'Assemblea Nazionale.

GUARDA ANCHE - L’ultimo attacco a Parigi

Il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, ha chiesto che "tutte le chiese siano messe sotto sorveglianza o chiuse, così come tutti gli altri luoghi di culto della città". "Quando è troppo è troppo - ha detto Estrosi parlando con i giornalisti dopo l'attentato - adesso è ora che la Francia metta da parte le regole di pace per annientare definitivamente l'islamo-fascismo sul nostro territorio".

Il premier Giuseppe Conte ha scritto su Twitter: "Il vile attacco che si è consumato a Nizza non scalfisce il fronte comune a difesa dei valori di libertà e pace. Le nostre certezze sono più forti di fanatismo, odio e terrore. Ci stringiamo ai familiari delle vittime e ai nostri fratelli francesi. Nous Sommes Unis!".