Attentato a centraline alta velocità, si segue la pista anarchica

Xfi

Firenze, 22 lug. (askanews) - L'Italia che viaggia in treno tagliata in due. Un incendio doloso scoppiato alla periferia sud di Firenze, vicino alla stazione di Rovezzano, ha messo in ginocchio il trasporto ferroviario, con i convogli dell'Alta Velocità e non costretti anche a tre ore di ritardo. Il triplice danno, giacché tre sono le centraline che sono state prese di mira, si è verificato intorno alle cinque di questa mattina. Ma le conseguenze sul traffico si sono sentite a lungo. Italo rimborserà o modificherà i biglietti dei viaggiatori rimasti bloccati, Trenitalia rimborserà totalmente i biglietti ai viaggiatori con più di tre ore di ritardo. Rimborso integrale anche per i passeggeri dell'Alta velocità che hanno rinunciato al viaggio e che sono stati interessati dal blocco del traffico.

A prendere fuoco i cavi di una cabina elettrica dell'alta velocità. Sul posto, gli uomini della Polfer e della Digos. Il nodo di Firenze non è nuovo ad attentati incendiari. Secondo gli inquirenti, sono stati bruciati fili di una centralina elettrica in due punti diversi e danneggiati due pozzetti contenenti le canalette di trasmissione dati per bloccare il traffico in tutte le direzioni. La Procura di Firenze ha aperto un fascicolo per attentato alla sicurezza dei trasporti, contro ignoti. Non escluso un collegamento col processo che vedeva proprio a Firenze, oggi, la sentenza contro 28 giovani anarchici rinviati a giudizio per vari episodi, compreso lo scoppio di un ordigno artigianale posizionato la notte di Capodanno 2017 davanti ad una libreria considerata vicina a CasaPound nel quale rimase ferito un artificiere della polizia. 

Intorno alle 13, sul sito di area anarchica Finimondo.org, è comparso un post dal titolo: "La strategia della lumaca" in cui si parla di quanto avvenuto questa mattina alla stazione di Rovezzano: "Cosa è successo? All'alba, nella prima periferia del capoluogo toscano, una cabina elettrica dell'Alta Velocità si è surriscaldata al punto da andare in fiamme. Sarà stato un caso? Una coincidenza? Una 'vile provocazione'? Oppure, più semplicemente ed umanamente, un gesto d'amore e di rabbia?". Il sito ricorda anche siamo a "dieci giorni dopo il ventunesimo anniversario della morte di Maria Soledad Rosas, due giorni dopo il diciottesimo anniversario della morte di Carlo Giuliani, e poche ore prima della prevista sentenza da parte del Tribunale di Firenze contro una trentina di anarchici".

Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini nel pomeriggio ha effettuato un sopralluogo alla stazione di Rovezzano. "Non è un attacco allo Stato, ai poteri forti, è un danno ai lavoratori che hanno perso un giorno di lavoro, e spero che qualcuno finisca in galera se verranno trovate delle responsabilità che mi sembrano chiare" visto che ci sono "tre danni contestuali negli stessi minuti", ha detto Salvini, differenziandosi dal vicepremier Luigi Di Maio che ha parlato di "un attacco allo Stato". "Tutti sono già al lavoro, se sarà dimostrato essere un caso di criminalità, per mettere in galera quelli che hanno rovinato una giornata di lavoro a decine di migliaia di italiani con il folle presupposto di combattere lo Stato", ha concluso il vicepremier.