Attenti al virus dell'egoismo, avverte il missionario dei poveri di Palermo

Giuseppe Marinaro

"Non vince il virus, Dio è più forte. E gli uomini insieme sono più forti. Piuttosto, dobbiamo stare attenti al virus più temibile, quello dell'indifferenza, dell'egoismo". In questi giorni continua a camminare con la sua croce di legno, tra le strade di Palermo, incontrando la gente, il missionario laico Biagio Conte, fondatore e animatore della cittadella dei poveri che accoglie e assiste un migliaio di persone in difficoltà.

"Non creiamo allarme e panico per chiuderci dentro. Per chiuderci, poi, dove? Dove ci chiudiamo? Non possiamo sbarrare il cuore e, magari, con la scusa del coronavirus, le frontiere", aggiunge fratel Biagio imbattendosi nei passanti e anche nei microfoni di una emittente locale, Tele One, "Dobbiamo aprirci alla gente. Diffondiamo coraggio, non paura. Non sono i popoli a portare malattie. Apriamo il cuore. Ognuno di noi ha una missione. Lavoriamo insieme". 

Nelle scorse settimane ha percorso a piedi oltre mille chilometri fino a Bruxelles, attraversando città e campagne, lanciando il suo messaggio di speranza e pace e consegnando una lettera al presidente dell'Europarlamento, David Sassoli. Occorre essere coerenti, aveva scritto, "nella pace, nella verità e nella giustizia. Dobbiamo impegnarci per contribuire e rafforzare sempre più l'Unione europea, soprattutto nella solidarietà, nell'ospitalità e nell'accoglienza".

Si tratta insomma di costruire "una giusta e stabile società" che "non può lasciare indietro i più deboli; è nostro dovere soccorrere chi si trova in difficoltà. Ogni uomo e donna è da rispettare, ha diritto di mangiare, a una casa, a un lavoro, e questo vale per ogni emarginato, emigrante, immigrato, profugo. Se non doniamo dignità e speranza "non potrà mai esserci una giusta e corretta società. Abbiamo tutti il dovere di non alzare barriere nè muri".