Atterraggio di emergenza per il volo Olbia-Roma: fumo in cabina

atterraggio emergenza

Attimi di paura per i passeggeri del volo IG 1113 partito da Olbia e diretto a Roma: il fumo ha improvvisamente invaso la cabina e ha costretto il pilota ad effettuare un atterraggio di emergenza. L’hostess di bordo ha invitato i passeggeri a tenere “la testa abbassata” e a cercare “di non respirare il fumo”. Tuttavia, nell’incidente un bambino ha accusato un malore.

Volo Olbia-Roma, atterraggio emergenza

Attimi da dimenticare per i passeggeri a bordo di un aereo della AirItaly decollato nella serata di venerdì 17 gennaio. Il volo IG 1113 era partito da Olbia ed era diretto a Roma: poco prima delle 20, però, il fumo ha invaso la cabina costringendo il pilota a effettuare un atterraggio di emergenza. Nel corso delle operazioni, inoltre, l’hostess di bordo invitata i presenti a mantenere la calma ed seguire alcune comportamenti. “Tenete la testa abbassata, cercate di non respirare il fumo” diceva. Purtroppo, però, un bambino a bordo del volo ha accusato un malore, ma non sarebbe grave. Non si conoscono ancora le cause che hanno fatto propagare il fumo nella cabina, ma sono in corso le indagini. Nessun altro passeggero ha subito conseguenze.

A bordo dell’aereo c’era anche Luisanna Porcu, psicologa e referente del Centro Antiviolenza Onda Rosa. Il personale ha invitato tutti i passeggeri a mantenere la calma fino al momento dell’atterraggio. Non appena l’allarme è rientrato, infine, il comandante ha deciso di fare rientro a Olbia. I vigili del fuoco hanno effettuato le operazioni di messa in sicurezza del Boeing 737-700 e il volo è stato riprogrammato.