Arriva l'ok dell'Europa al vaccino made in Usa

·2 minuto per la lettura
Johnson & Johnson, oggi il verdetto Ema
Johnson & Johnson, oggi il verdetto Ema

Il verdetto è arrivato nel primo pomeriggio di giovedì 11 marzo. L’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha ufficialmente dato la sua autorizzazione al vaccino contro il Covid Johnson & Johnson. L’agenzia lo ha reso noto tramite Twitter. Il siero sarà utilizzato per soggetti a partire dai 18 anni. Con il via libera al prodotto del colosso americano, l’Europa può ora contare su quattro vaccini contro il coronavirus: Pfizer, Moderna, Astrazeneca e J&J.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

L’Ema sul vaccino Johnson & Johnson

Poche ore prima dell’autorizzazione ufficiale, il ministro della Salute Roberto Speranza aveva ribadito il suo auspicio a una procedura celere: “Dopo i tre vaccini già autorizzati, aspettiamo la buona notizia che arrivi l’autorizzazione per il vaccino Johnson & Johnson”. Un auspicio a cui si era aggiunta nelle ore precedenti una precisa nota di Armando Genazzani, rappresentante italiano nel comitato tecnico Chmp dell’Ema.

I numeri operativo che J&J ha messo sul piatto sono mostruosi, almeno in ipotesi. Il colosso fornirà 200 milioni di dosi all’Europa nel secondo trimestre del 2021. Palazzo Chigi aveva poi ‘certificato’ questi volumi operativi con una nota ufficiale: “In linea con il nostro accordo con la Commissione europea, Johnson&Johnson resta impegnata a fornire 200 milioni di dosi del suo vaccino Janssen Covid-19 nel 2021, a partire dal secondo trimestre”. Nei giorni precedenti era trapelata una notizia per cui Johnson & Johnson avrebbe messo in agenda dei tagli, per poi ridimensionare la notizia e fissare il tetto, appunto, a 200 milioni di dosi per l’Ue.

I volumi trimestrali in Italia

E i numeri italiani sarebbero confortanti: dall’8 marzo al 3 aprile verranno fornite 6,5 milioni di dosi complessive. Il tutto per arrivare a cifre stabilizzate nel trimestre bis delle dosi disponibili. Sono cifre per un ammontare complessivo di oltre 36,8 milioni di dosi per Pfizer AstraZeneca e Moderna.

L’annuncio di Biden sulle eccedenze

E il presidente Usa Joe Biden, che ha incontrato alla Casa Bianca gli amministratori del colosso farmaceutico, ha fatto un annuncio. Lo ha fatto in virtù del fatto che il vaccino J&J negli Usa ha già il disco verde della Fda dal 21 febbraio. Biden ha detto che su precise istruzioni J&J produrrà “altri 100 milioni di dosi. Compreremo altre 100 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson. Il surplus (di vaccini), se lo avremo, lo condivideremo con il resto del mondo”.