Audio Mifsud, Durham sta esaminando i file

webinfo@adnkronos.com

Il procuratore Usa John Durham ha acquisito i due file audio inviati nella notte tra martedì e mercoledì all'Adnkronos e al Corriere della Sera, da un sistema di email anonimo, nei quali una voce che sostiene di essere "Joseph Mifsud" rilascia una serie di dichiarazioni. Lo apprende l'Adnkronos dall'avvocato Stephan Roh, legale di Mifsud, che avrebbe parlato direttamente con il procuratore Durham, interessato a capire che fine abbia fatto uno dei protagonisti del Russiagate e anche di chi sia la voce femminile che per un breve istante si può ascoltare alla fine del secondo file audio, quello nel quale la presunta voce del professore maltese, misteriosamente scomparso da oltre due anni, conclude le sue dichiarazioni lanciando un appello: "E' estremamente importante che qualcuno, da qualche parte, decida di farmi respirare di nuovo". La voce femminile, dopo qualche istante da quest'ultima frase, sembra pronunciare in italiano la parola "...due". I file erano stati pubblicati integralmente sul sito Adnkronos e su quello del Corriere. 

Durham, su incarico del ministro della Giustizia William Barr, sta conducendo una contro-indagine penale sulla genesi del Russiagate, per valutare se vi siano stati abusi o comportamenti impropri dei vertici di allora dell'Fbi e dell'intelligence Usa ai danni della campagna presidenziale 2016 di Donald Trump. Per approfondire le possibili diramazioni italiane della vicenda e il ruolo del misterioso Mifsud, Barr e Durham hanno compiuto due missioni a Roma, il 15 agosto e il 27 settembre, nelle quali hanno incontrato i vertici dell'intelligence italiana.Nel frattempo, come riportano alcuni media Usa, nello Studio Ovale della Casa Bianca si è svolto un incontro tra il presidente Trump e l'attorney general Barr. Si sarebbe trattato di un incontro non previsto, che alcuni media Usa attribuiscono all'indagine in corso sulla genesi del Russiagate.