Audiweb, nuova misurazione e vecchi dubbi

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sono recentemente usciti dati di misurazione dell’audience digitale italiana realizzata da Audiweb secondo la nuova metodologia. Essendo stati rilasciati i dati mensili, questi sono confrontabili con le rilevazioni già realizzate da Comscore e pubblicate sulla stampa specializzata.

Intanto, mentre per Comscore hanno superato di poco quota 40. La differenza sostanziale è di oltre il 10% anche se gli universi di riferimento differiscono (sugli accessi desktop Audiweb misura da 2 anni in poi mentre Comscore dai 6 anni in avanti; su mobile Audiweb dai 18 ai 74 anni d’età mentre Comscore dai 18 anni in avanti).

Le incongruenze maggiori si evincono però quando si va ad analizzare in dettaglio lo spaccato sociodemografico. Qui, la misurazione Audiweb sembra aver portato nei risultati della nuova metodologia qualche dubbio, . In alcuni segmenti sociodemografici le inconsistenze sembrano palesi, perché nelle fasce prese in considerazione . Nel segmento 35-44 anni, quello economicamente più rilevante come target adv e ai fini dell’ecommerce, si registra uno scostamento del 6%: ovvero mezzo milione di italiani attivi online contati da Audiweb in più di quelli esistenti secondo l’Istat . Anche nelle fasce d’età 18-24 anni e in quella 25-34 anni gli italiani on-line rilevati da Audiweb sono di più di quelli effettivamente in vita secondo l’Istat.

Più allineate invece dopo che Audiweb – a seguito di un cambiamento metodologico introdotto lo scorso maggio e conservato nella nuova metodologia – ha ridotto di circa un terzo le proprie precedenti stime.

Nel quadro, si inseriscono anche i numeri relativi alle audience di alcuni domini editoriali (taggati da entrambi i misuratori e non aggregati con altri siti) che nella misurazione di Audiweb ottengono risultati sensibilmente inferiori rispetto a quelli di Comscore, con differenze che in un caso superano il 40%, in un altro arrivano al 23%.

Insomma, da tutto questo si evince necessaria l’adozione di un meccanismo sempre più trasparente (come ha giustamente evidenziato nella sua ultima pronuncia l’AgCom) in grado di fornire misurazioni affidabili perché si tratta di un bisogno imprescindibile per lo sviluppo e la crescita dell’industry digitale in Italia. Tutta la filiera editoriale, editori concessionarie agenzie e centrali media ne hanno assolutamente bisogno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli