Aumenta il tempo online, 1 ragazzo su 5 è "sempre connesso"

Redazione
·3 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Il 2020, con l'emergenza sanitaria, ha inciso notevolmente sulla vita digitale delle ragazze e dei ragazzi italiani. Oggi 6 adolescenti su 10 dichiarano di passare, in media, più di 5 ore al giorno connessi (in particolare fra le 5 e le 10 ore). Solo un anno fa erano 3 su 10. Un ragazzo su 5 si dichiara, poi, "sempre connesso". Sono i dati emersi stamattina durante l'evento organizzato dal Ministero dell'Istruzione in occasione del Safer Internet Day 2021, la Giornata mondiale dedicata all'uso positivo di Internet. L'indagine è stata realizzata dal portale Skuola.net, dall'Università degli Studi di Firenze e dall'Università degli Studi di Roma "Sapienza" per "Generazioni Connesse", il Centro Italiano per la Sicurezza in Rete guidato dal Ministero dell'Istruzione.

In particolare, 59% degli intervistati ritiene che c'è stata una crescita degli episodi di cyberbullismo negli ultimi mesi. Un anno fa la quota di coloro che consideravano il fenomeno in aumento era del 20%. L'85% dichiara anche, però, di avere dato a un proprio coetaneo dei consigli sull'uso corretto del web: cresce, quindi, la consapevolezza e la solidarietà tra i ragazzi e le ragazze in Rete. In questi mesi, attraverso la Rete e la condivisione dei contenuti, è cresciuto anche l'impegno sociale di studentesse e studenti nei confronti di temi rilevanti come il Climate Change e il Global Warming o, ancora, il movimento Black Lives Matters: il 53% dei partecipanti dichiara di aver usato i social per impegnarsi a sostenere queste cause.

"Anche quest'anno il Ministero dell'Istruzione celebra, con diverse iniziative, il Safer Internet Day, la Giornata mondiale dedicata all'uso positivo di Internet - ha detto in un videomessaggio la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina -. Una ricorrenza importante che vede nei giovani i principali protagonisti ed è anche occasione per interrogarci tutti su come guidare al meglio i nostri ragazzi e le nostre ragazze ad una navigazione sicura e consapevole nella realtà digitale. E su come sfruttare al meglio le potenzialità di Internet. Ma questa particolare Giornata assume un significato ancora più rilevante, oggi, alla luce di una pandemia che ha aperto la quotidianità e le più semplici abitudini alle nuove tecnologie e ad un uso preponderante della Rete. Una Rete che in questi mesi si è mostrata in tutta la sua straordinaria potenza nel metterci in connessione a distanza, ma che spesso nasconde insidie e pericoli".

"E noi adulti non possiamo certo ignorare il dilagare di fenomeni odiosi di violenze e aggressioni, verbali o psicologiche, come il bullismo, il cyberbullismo o le violenze di genere, che trovano proprio nella Rete terreno fertile e nei giovani i principali bersagli. Occorre che la Scuola e la famiglia restino unite per contrastare un nemico comune. Occorre che la Scuola e la famiglia siano presìdi fondamentali nell'educazione all'uso appropriato delle nuove tecnologie - ha proseguito Azzolina -. Ed è per questo che una componente centrale nell'insegnamento dell'educazione civica, che abbiamo voluto introdurre, è costituita proprio dall'educazione alla cittadinanza digitale. La Scuola deve guardare al futuro ed essere in grado di promuovere una cultura che aiuti a comprendere e, quando serve, a denunciare. I giovani non vanno mai lasciati soli di fronte a questi rischi e le sole vie per poter contrastare il dilagare di tali fenomeni sono la consapevolezza e la conoscenza. Noi ci siamo, la scuola c'è".

(ITALPRESS).

sat/com