Aumentano i positivi e le norme restrittive a Madrid

·1 minuto per la lettura
Madrid
Madrid

A Madrid i contagi di Coronavirus sono quadruplicati e le mascherine sono diventate obbligatorie anche all’aperto. In poco più di una settimana la diffusione è quadruplicata e la regione è tornata nell’incubo. Il 20 Luglio i casi positivi erano 269, mentre il 28 luglio sono diventati 1.381. Lo ha reso noto El Pais, che ha riferito che sono state prese delle nuove misure restrittive. Da oggi, infatti, l’uso della mascherina al di sopra dei 6 anni è obbligatorio anche negli spazi aperti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: Gallera, ‘Lombardia ha retto meglio di New York e Madrid’

Contagi quadruplicati a Madrid

La misura delle mascherine è parte di una serie di nuovi provvedimenti, come il divieto di assembramenti con più di 10 persone. I ristoranti dovranno chiudere entro l’1.30 e saranno obbligati a registrare tutti i clienti per il tracciamento. La situazione a Madrid si sta complicando, ma anche nelle altre regioni del paese le cose non vanno meglio. In Spagna, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 1.153 nuovi casi. La maggior parte dei contagi sono avvenuti a Madrid e nelle comunità di Aragona e Catalogna.

Molti Paesi stanno chiudendo i confini con la Spagna, per via dell’aumento di casi degli ultimi giorni. La prima è stata la Gran Bretagna, seguita da Belgio, Olanda, Norvegia e Germania. Tutti coloro che arrivano o tornano dalla Spagna devono effettuare 14 giorni di quarantena obbligatoria in Regno Unito e 10 in Norvegia. L’isolamento è previsto anche in Olanda e Belgio, ma solo per chi viene da alcune regioni specifiche. Il premier francese sta meditando sulla chiusura dei confini.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Liverpool – Atletico Madrid ha portato a 41 morti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli