Aumento dei contagi negli Stati Uniti: si teme un'altra ondata

·1 minuto per la lettura
Quarta ondata USA
Quarta ondata USA

Nonostante la campagna vaccinale stia procedendo in modo spedito (il 30% dei cittadini ha già ricevuto almeno una dose di siero anti Covid), diversi stati americani stanno registrando un aumento dei contagi. Gli USA temono così di dover fare i conti con una quarta ondata, tanto che gli esperti hanno invitato alla prudenza. Biden ha inoltre consigliato ai governatori di tornare all’obbligo di indossare la mascherina.

Quarta ondata negli USA

La direttrice dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti Rochelle Welensky, ha parlato di un “disastro imminente“. Nonostante ci sia un enorme potenziale nella situazione americana e molte ragioni di speranza, la funzionaria ha ammesso di avere paura e ha raccomandato cautela e rispetto delle precauzioni. Osservando i dati emerge un aumento della media settimanale dei casi positivi giornalieri, pari a 65 mila, di circa 10 mila unità.

Un dato che per il momento resta al di sotto di quelli riscontrati durante la terza ondata. Periodo in cui negli Stati Unti si registravano anche 250 mila casi al giorno. Per ora l’incremento dei contagi è circoscritto agli stati di New York, Michigan, New Jersey, Connecticut e Pennsylvania. Ma la Welensky ha lanciato l’allarme sul fatto che “quando riscontriamo un simile incremento dei casi, i contagi tendono ad aumentare drasticamente.

Lo stesso Biden, che ha annunciato che entro il 19 aprile “il 90% degli adulti potrà essere vaccinato“, si è detto preoccupato dalla fretta con cui diversi stati hanno allentato le restrizioni. Ha pertanto invitato i governatori e i sindaci a ripristinare l’obbligo di indossare la mascherina ovunque.