Australia, aumentano i casi di Lyssavirus

·2 minuto per la lettura
Queensland pipistrelli positivi lyssavirus
Queensland pipistrelli positivi lyssavirus

Nel Queensland in Australia sono stati registrati nel giro di un mese tre casi di Lyssavirus, un insieme di virus tra cui è incluso quello della rabbia che intaccano specialmente gli animali feriti. Nello specifico questo virus è stato trasmesso a tre pipistrelli, l’ultimo caso in ordine di tempo sarebbe avvenuto nella Riserva di Anstead Bushland il 30 dicembre. Proprio in virtù di quest’ultimo caso le autorità sanitarie australiane si sono rivolte alla popolazione invitandole a non toccare gli animali feriti.

Ad ogni modo stando a quanto riportato dal Queensland Health e citato da abc.net.eu, il Lyssavirus che avrebbe in passato fatto già tre vittime, può essere trasmesso attraverso morsi o ancora graffi. Le conseguenze come ha fatto sapere il Queensland Health potrebbero essere fatali portando a convulsioni, paralisi, delirio e nei casi estremi anche alla morte. “È molto importante fornire cure urgenti se qualcuno ha avuto un graffio o un morso da un pipistrello per prevenire una malattia letale”, ha reso noto il portavoce del Queensland Health.

Queensland, tre pipistrelli positivi al Lyssavirus

Accade in Australia nel Queensland. Il Lyssavirus ha colpito tre pipistrelli nel giro di un mese, l’ultimo in ordine di tempo lo scorso 30 dicembre. Questo virus che include tra le altre il virus della rabbia, intacca anche i pipistrelli australiani con la variante del virus che prende la sigla ABLV. Questo virus è stato rilevato per la prima volta nel continente australiano in un esemplare di Pteropus alecto, chiamato anche volpe volante nera.

Il Lyssavirus da pipistrello australiano pur essendo un virus che intacca principalmente gli animali se trasmesso all’uomo può risultare pericoloso se non letale. Da quando è stato rilevato nel 1996 le vittime sono state tre.”È molto importante fornire cure urgenti se qualcuno ha avuto un graffio o un morso da un pipistrello per prevenire una malattia letale”, ha reso noto il portavoce del Queensland Health. A fare un primo bilancio della situazione è il veterinario della RSPCA (La Società Reale per la Protezione della Crudeltà sugli Animali) Meaghan Barrow che citata da abc.net.eu ha dichiarato: “Il fatto che ne abbiamo avuti due così vicini è un po ‘preoccupante…”Se qualcuno vede un pipistrello ferito … consigliamo alle persone di non toccarlo affatto. Ovviamente, qualsiasi pipistrello malato potrebbe correre il rischio di contrarre il lyssavirus”.