Australia, ex capo controspionaggio: da Cina ingerenze in politica

Sen

Roma, 22 nov. (askanews) - L'ex capo del controspionaggio australiano, ha accusato la Cina di ingerenze nella politica interna del paese. Secondo Duncan Lewis, che a settembre si è dimesso dalla direzione della Australian Security Intelligence Organization (ASIO), la Cina starebbe cercando di "prendere il controllo" dei partiti politici in Australia con una campagna di "spionaggio e interferenza".

Per Lewis, che ha rilasciato un'intervista al giornale australiano Sydney Morning Herald, Pechino sarebbe in grado di prendere di mira qualsiasi partito politico.

"Lo spionaggio straniero e le interferenze sono insidiosi ha denunciato Lewis -. I suoi effetti potrebbero farsi sentire solo decenni più tardi, quando ormai è troppo tardi".