Australia, Pell ricorre all'Alta Corte contro condanna pedofilia

Coa

Roma, 17 set. (askanews) - Il cardinale George Pell ha presentato oggi un ultimo ricorso contro la sua condanna a sei anni di prigione per pedofilia davanti al più alto tribunale australiano: l'ha annunciato l'Alta Corte d'Australia.

Pell, 78 anni, si era visto respingere, il mese scorso, un ricorso presentato alla Corte suprema di Victoria contro la condanna per gli abusi perpetrati ai danni di due adolescenti nel 1996 e nel 1997 presso la Cattedrale di Melbourne.

Il porporato, ormai ex prefetto della Segreteria del Vaticano per l'Economia, è stato condannato a sei anni di prigione senza condizionale per abusi sessuali su due chierichetti di 13 anni - uno defunto nel frattempo - che avrebbe compiuto nella cattedrale di St Patrick quando era arcivescovo di Melbourne nel 1996.

La difesa di Pell ha sempre contestato la possibilità stessa che il porporato fosse nella sagrestia dove la vittima afferma di essere stato abusato a conclusione di una messa presieduta dall'allora arcivescovo.