Austria in lockdown generale, ma scuole e impianti per lo sci sono aperti

·1 minuto per la lettura
22 November 2021, Austria, Füssen: A sign marks the nearby border crossing at the border with Austria. Austria goes into another lockdown from Monday due to the massive fourth Corona wave. Photo: Karl-Josef Hildenbrand/dpa (Photo by Karl-Josef Hildenbrand/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)
22 November 2021, Austria, Füssen: A sign marks the nearby border crossing at the border with Austria. Austria goes into another lockdown from Monday due to the massive fourth Corona wave. Photo: Karl-Josef Hildenbrand/dpa (Photo by Karl-Josef Hildenbrand/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)

L’Austria da mezzanotte è in lockdown. Il paese si ferma per la quarta volta dall’inizio della pandemia. Il 12 dicembre la vita sociale riprenderà per i vaccinati e guariti (2-G), mentre i non vaccinati dovranno restare a casa.

Come già avvenuto lo scorso inverno i residenti possono comunque sciare, perché lo sci è ritenuta un’attività motoria, ma ovviamente solo con 2-G e Ffp2 sugli impianti di risalita.

Restano aperte anche le scuole, ma i genitori potranno tenere i figli a casa.
Anche ieri migliaia di no vax sono scesi in strada in varie città del paese per manifestare contro i provvedimenti del governo, ma soprattutto contro l’obbligo vaccinale che scatta a febbraio. Almeno gli ‘attendisti’ ora stanno cambiando idea: nel fine settimane si sono formate code davanti agli hub.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli