Austria, uccide per gelosia l'ex fidanzata e tutta la famiglia

Austria, uccide per gelosia l'ex fidanzata e tutta la famiglia (Photo by ZOOM.TIROL / various sources / AFP) / Austria OUT (Photo by ZOOM.TIROL/ZOOM.Tirol/AFP via Getty Images)

Un giovane tirolese di 25 anni si è presentato al comando distrettuale di Polizia all’alba di oggi, domenica 6 ottobre, dicendo: "Ho appena ucciso cinque persone". Il killer ha confessato la strage compiuta nella notte tra sabato e domenica in una villetta del quartiere residenziale di Vordergrub, alle porte di Kitzbuehel, stazione sciistica austriaca del Tirolo.

LEGGI ANCHE: Bergamo, uccide la moglie e fugge: ricercato

Secondo le ricostruzioni della vicenda, il giovane ha ucciso l’ex fidanzata di 19 anni, con cui il rapporto è finito due mesi fa, oltre ai suoi genitori di 51 anni, il fratello di 25 anni e il nuovo compagno della ex, 24 anni. Sottoposto a interrogatorio per tutta la mattina, l’indagato ha detto di aver agito da solo con la pistola e un coltello.

VIDEO - I numeri del femminicidio



L’omicida aveva avuto una discussione con l'ex fidanzata per motivi di gelosia in un locale della zona e si era recato presso l'abitazione di lei. Alle 4 di mattina gli aveva aperto il padre che lo ha subito pregato di andarsene. Il 25enne è quindi tornato a casa e ha preso l'arma del fratello, custodita nella cassaforte, finché verso le 5,30 si è ripresentato alla villetta.

LEGGI ANCHE: Sedicenne bruciata viva, la denuncia del padre

Il primo a morire è stato il padre dell’ex fidanzata, seguito dalla madre e dal fratello. Avendo trovato chiusa la porta dell'appartamento dell'ex fidanzata, si è arrampicato fino al balcone, ha rotto la finestra e ha sparato alla giovane e al nuovo compagno.

Il comandante distrettuale della Polizia, Martin Reisenzein, ha riferito che "in vent'anni di servizio non ricorda una cosa simile". Sul luogo della strage sono arrivati subito 25 agenti della Polizia, la Polizia criminale, ambulanze e l'intera unità di crisi.