1 / 10

L’autismo può essere ‘tracciato’ nei bebè

Secondo uno studio della University of North Carolina-Chapel Hill è possibile prevedere la malattia dell’autismo tra i primi 6-12 mesi della vita di un bebè, tramite risonanza magnetica. (GETTY)

L'autismo può essere rintracciato nel cervello dei neonati prima della diagnosi

Una ricerca recente ha stabilito che tramite una risonanza magnetica è possibile anticipare (tra i 6 e i 12 mesi di vita) la diagnosi di autismo nei fratelli di bambini già colpiti dalla stessa malattia. È un traguardo importante nello studio di questa malattia, misteriosa per molti aspetti, che potrebbe portare benefici anche a chi non ha già avuto casi in famiglia.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità