Auto di lusso rubate e rivendute con documenti falsi: denuncia

Psc

Napoli, 10 feb. (askanews) - Veicoli rubati e rivenduti con documenti falsi: operazione della polizia stradale di Caserta che ha sequestrato centinaia di documenti d'identità fasulli e autovetture di alta gamma del valore di oltre 250mila euro pronte per essere immesse sul mercato. Gli inquirenti hanno incrociato alcuni dati di veicoli negli archivi del Pra e della Motorizzazione civile per verificare le pratiche di immatricolazione in Italia di veicoli da parte di Agenzie di pratiche automobilistiche gravanti nell'hinterland casertano. I sospetti degli uomini della Polizia Stradale scaturivano dal fatto che le richieste di immatricolazione, riguardanti per la gran parte auto di lusso, provenivano da persone non facoltose. Una circostanza che spinto gli investigatori ad effettuare accertamenti sino all'identificazione di S.S., originario di San Cipriano d'Aversa (Caserta) con precedenti per riciclaggio, che materialmente si occupava delle intestazioni dei veicoli di alta gamma a individui compiacenti. L'intervento degli uomini della Stradale presso l'abitazione del pregiudicato, una villetta a Villa di Briano (Caserta), ha consentito di recuperare e sequestrare tutti i documenti contraffatti, proprio mentre un familiare era intento a lanciare la documentazione dal balcone, con l'intento di disfarsene. I documenti falsi, che risultavano molto simili a gli originali, consistevano in carte d'identità, codici fiscali e patenti di guida, tutti con dati anagrafici diversi tra loro ma, in numerosi casi, avevano apposta la foto di una stessa persona. All'interno della villa sono state sequestrate anche sofisticate apparecchiature per la falsificazione di documenti, mentre nel garage sono state trovate e sequestrate alcune autovetture tra cui due lussuose Maserati ricercate dalle autorità della Repubblica Svizzera. L'uomo è stato denunciato per ricettazione, possesso e fabbricazione di documenti di identità falsi.