Auto su pedoni, Calderoli: alcol e droga causa ecatombe senza fine

Mpd

Roma, 5 gen. (askanews) - "Non ci sono parole per commentare la tragedia in valle Aurina in provincia di Bolzano, sei giovani vite perdute per la follia dell'ennesimo pirata della strada che guidava ubriaco. Stavamo ancora piangendo la tragedia di Camilla e Gaia, falciate da un ragazzo che aveva bevuto oltre il limite, e quella di Sara, travolta da un clandestino marocchino che doveva essere espulso da mesi e intanto guidava ubriaco e drogato. E adesso questa devastante tragedia, sei giovani uccisi da un altro ragazzo che guidava sotto effetto di alcool. Nelle ultime settimane abbiamo avuto sentenze che aprono alla coltivazione della cannabis, ma la realtà ci dice che tutti questi incidenti, ma aggiungerei anche nella movida notturna le risse con accoltellamenti e gli stupri, derivano sempre dall'abuso di alcool e droghe leggere. Se vogliamo fermare queste mattanze dobbiamo fermare a monte questi abusi e far capire che alcool e droghe purtroppo sono armi, letali a volte. Servono maggiori controlli e adeguate sanzioni, ma qui il discorso va allargato all'educazione nelle famiglie e alla formazione nelle scuole".

Lo dichiara il sen. Roberto Calderoli, vice presidente del Senato