Auto: Unrae, rifinanziare incentivi o in 2021 a rischio 300 mila immatricolazioni (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Nel breve periodo, invece – ha aggiunto Crisci – è urgente il rifinanziamento degli incentivi per le vetture della fascia 61-135 g/km di CO2 che finora, sempre nell’ottica della sostenibilità, hanno dato il contributo più rilevante”.

Il Presidente dell’Unrae ribadisce infine "l’urgenza di rimediare alla ulteriore forte penalizzazione di cui sono oggetto in Italia le auto aziendali in fringe benefit perché, a causa del mancato adeguamento della tassazione ai nuovi valori di emissione Wltp, sia i dipendenti sia le aziende che concedono il benefit pagano un’imposta maggiorata rispetto al precedente protocollo di omologazione in vigore fino al 2020".