Autobus, conducente riconsegna borsa con migliaia di euro dimenticata

·2 minuto per la lettura
Oggetto smarrito
Oggetto smarrito

Un autista di autobus ha trovato una borsa dimenticata sul proprio mezzo di linea all’interno della quale erano presenti circa 18 mila euro in contanti.

Borsa dimenticata sull’autobus: il ritrovamento del conducente

La singolare vicenda si è verificata in provincia di Treviso, in Veneto, e ha coinvolto un uomo impiegato presso il servizio di trasporto pubblico locale, in qualità di conducente di autobus.

Nel pomeriggio di giovedì 3 giugno, infatti, l’autista è stato allertato da una passeggera che viaggiava a bordo del proprio mezzo, un autobus attivo su una linea extraurbana che collega il capoluogo di Treviso a Spresiano, circa la presenza di una borsa dimenticata su uno dei sedili.

Ricevuta la segnalazione, l’uomo ha preso in carico la borsa, tenendola in custodia.

Borsa dimenticata sull’autobus: il denaro conservato nel portafogli

Per gli autisti degli autobus, essere alle prese con oggetti smarriti sui mezzi impiegati per garantire il trasporto pubblico di linea rappresenta una prassi quasi quotidiana. Ciononostante, la scoperta effettuata dal conducente di Treviso può essere descritta come una sorta di unicum in simili contesti.

Provvedendo a verificare l’identità della persona che aveva dimenticato la borsa smarrita, l’uomo ha verificato se al suo interno vi fossero i documenti di riconoscimento necessari. Aprendo il portafogli, tuttavia, l’autista ha immediatamente notato la presenza di svariate banconote accuratamente custodite che, sommate tra loro, raggiungevano una cifra superiore ai mille euro.

Borsa dimenticata sull’autobus: la restituzione alla proprietaria

A pochi minuti dal ritrovamento borsa, inoltre, presso lo stazionamento degli autobus si è recata la proprietaria dell’oggetto perduto, in preda al panico per la distrazione commessa e il timore di non riuscire a rientrare in possesso dei suoi averi.

Dopo aver avuto notizia della donna, l’autista si è rapidamente recato a Treviso per riconsegnare il bene alla legittima proprietaria: in questo contesto, la signora di circa 60 anni è stata invitata dal conducente a controllare che nella borsa non mancasse niente.

Una volta rientrata in possesso dell’oggetto, tuttavia, la 60enne ha totalmente ignorato il portafogli e i documenti, concentrandosi a scavare nella borsa per verificare che fossero ancora presenti decine e decine di mazzette di contantiche, sulla base di quanto asserito dalla signora, ammontavano a circa 18 mila euro. La proprietaria, infine, ha ringraziato il conducente dell’autobus donandogli una mancia di 50 euro prima di andare via con la borsa.

A proposito dell’episodio, l’azienda di trasporti ha rivelato di non sapere se la cifra contenuta nella borsa della donna fosse realmente pari a 18 mila euro ma ha garantito sulla condotta dell’autista che ha rispettato con rigore le procedure previste.