Autobus prende fuoco a Venezia: autista fa scendere tutti i passeggeri

autobus-fuoco-venezia

Attimi di panico a San Liberale di Marcon, in provincia di Venezia, dove un autobus pubblico ha preso fuoco nel pomeriggio del 4 dicembre. L’autista del mezzo, alimentato a metano, si è per fortuna reso immediatamente conto di quello che stava succedendo ha avuto tutto il tempo per fermarsi e far scendere i passeggeri, che in questo modo non hanno subito alcun danno. Sul posto sono successivamente giunti i Vigili del Fuoco che hanno provveduto a spegnere l’incendio.

Autobus prede fuoco a Venezia

L’episodio è avvenuto su un autobus Actv della linea 9 (l’azienda di trasporto pubblico veneziano) mentre questo percorreva il tragitto da Marcon a Mestre. All’altezza di via Poianon, intorno alle ore 15:45, il conducente del mezzo si è accorto di una nuvola di fumo che stava iniziando a fuoriuscire dall’autobus e ha immediatamente dato l’allarme facendo scendere tutti i passeggeri presenti prima che il veicolo venisse avvolto dalle fiamme.

Allertati i Vigili del Fuoco, che sono giunti con 16 uomini e 5 automezzi, questi hanno subito provveduto a mettere in sicurezza il veicolo intervenendo sui serbatoi di gas metano a rischio esplosione. Una volta spento l’incendio, i pompieri hanno iniziato le operazioni di bonifica del luogo dell’incidente.

Al vaglio la dinamica dell’incendio

Stando a quanto riportato dalla stampa locale, sarà ora necessario esaminare i resti dell’autobus per capire se ci possa essere stato un malfunzionamento che abbia causato l’incendio. Pur essendo stato immatricolato nel 2006, il mezzo era ancora in ottime condizioni e i sensori di sicurezza si sono azionati correttamente al divampare della fiamme, facendo fuoriuscire dai serbatoi il gas metano liquido al fine di scongiurare esplosioni dagli esiti potenzialmente tragici.