Autobus prende fuoco a Zogno, mezzo distrutto: in salvo l’autista

autobus-prende-fuoco-zogno

Attimi di paura a Zogno, in provincia di Bergamo, dove nel pomeriggio del 14 febbraio un autobus di linea ha preso fuoco poco dopo aver scaricato gli ultimi passeggeri presso la fermata del locale acquedotto. Sul mezzo era presente soltanto il conducente, il quale non appena è ripartito ha subito notato un anomalo surriscaldamento del motore che ha poi innescato l’incendio a bordo del mezzo. L’uomo è fortunatamente riuscito a scendere dal veicolo e a chiamare i Vigili del Fuoco, che sono immediatamente giunti sul posto per spegnere le fiamme.

Autobus prende fuoco a Zogno

Stando a quanto riportato dalla stampa locale l’incendio sarebbe divampato nella frazione di Miragolo, con il mezzo che in quel momento si stava apprestando a salire verso la valle. Durante il percorso l’autista del bus ha però fatto in tempo a notare un surriscaldamento nel vano motore per il quale si è visto costretto ad accostare e ad abbandonare il veicolo in via Roncaglia.

Da qui si è poi in brevissimo tempo propagato un incendio che ha reso necessario l’intervento di due automezzi dei Vigili del Fuoco di Zogno, che hanno tempestivamente domato le fiamme e bonificato l’area circostante. Resta ora da capire cosa possa aver innescato l’incendio, anche se appare probabile che la causa sia da ricercare in un malfunzionamento del veicolo stesso.

Il precedente caso a Venezia

Quello di Zogno non è purtroppo il primo caso di mezzo pubblico che prende improvvisamente fuoco durante il tragitto. Lo scorso 4 dicembre un autobus di linea venne infatti avvolto dalle fiamme a San Liberale di Marcon, in provincia di Venezia, costringendo il conducente a far scendere tutti i passeggeri prima che l’incendio potesse provocare gravi conseguenze. In quel caso infatti, il mezzo era alimentato a metano e un’eventuale fuga di carburante avrebbe potuto comportare un’esplosione potenzialmente pericolosa per l’incolumità delle persone li presenti.