Autogrill: alimenti più sani e brand sostenibili per i viaggiatori post-Covid

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 16 nov. (Adnkronos) – Il 2022 è stato l’anno della ripresa dei viaggi, in particolare sono le generazioni più giovani che stanno tornando a utilizzare tutti i canali di viaggio, autostradale, aeroportuale e ferroviario. Cresce il desiderio di benessere e l’attenzione a un’alimentazione che sia bilanciata e salutare. Nelle scelte d’acquisto gli italiani prediligono i brand impegnati in iniziative sostenibili e di corporate social responsibility. Sono questi i major findings della ricerca 'Next normal in travel', condotta da NielsenIq per conto di Autogrill, per analizzare i bisogni e le abitudini dei viaggiatori nella 'nuova normalità' post-Covid. L’indagine ha approfondito, in particolare, le preferenze in termini di proposte, concept e modelli di servizio, misurando parallelamente le diverse esigenze dei consumatori e la rilevanza della sostenibilità e della digitalizzazione.

Dalla ricerca, condotta su 26.841 persone maggiorenni-viaggiatori sui canali autostradale, aeroportuale e ferroviario in 8 Paesi (Usa, Uk, Nl, It, Ch, De, Be, Fr), da aprile 2021 a giugno 2022, emerge che Gen Z e Millennials guidano la ripresa: sono proprio le generazioni più giovani quelle che hanno viaggiato di più nel post-Covid. In particolare i Millennials hanno viaggiato preferendo principalmente spostarsi in auto e in aereo, mentre gli esponenti della Generazione Z hanno preferito viaggiare in treno. Il trend si conferma anche per l’Italia, dove troviamo tra i viaggiatori che prediligono i canali autostradali e aeroportuali anche gli appartenenti alla Generazione X.

Autogrill, per rispondere al meglio alle nuove esigenze dei viaggiatori, ha sviluppato nuovi concept e layout nelle stazioni e nei canali autostradale e aeroportuale: dalla nascita di Amore 'Do eat better' con l’introduzione della formula del servizio al tavolo, alle nuove aperture all’aeroporto di Roma Fiumicino e nelle stazioni ferroviarie di Milano e Napoli, fino al completamento della food court all’interno dell’aeroporto di Linate. Tra i punti vendita più recenti, l’inaugurazione del primo Eataly in aeroporto a Roma Fiumicino, per offrire un servizio di ristorazione dedicato a chi desidera trascorrere una sosta enogastronomica di qualità, in un luogo in cui fare autentiche esperienze gastronomiche con il meglio della tradizione culinaria italiana per ogni ora del giorno e per ogni esigenza di consumo.

Cresce l’attenzione al benessere e la richiesta di prodotti che, oltre a soddisfare il palato, siano anche salutari. Alla domanda 'In base a quali fattori scegli il menù per la tua sosta?' i viaggiatori degli 8 Paesi hanno risposto identificando gli elementi chiave che guidano la loro scelta: la naturalità e la freschezza dell’alimento; la presenza di ingredienti naturali, ricchi di nutrienti e senza conservanti; il basso contenuto di zuccheri, di grassi e di calorie; l’origine del prodotto consumato in viaggio.

Circa la metà dei viaggiatori italiani è più propenso a scegliere alimenti healthy soprattutto negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, dove le attese più lunghe per le coincidenze inducono le persone a prendersi più tempo per una pausa di qualità: il 56% lo fa in aeroporto, il 45% nelle stazioni ferroviarie. Sul canale autostradale, dove la sosta è più veloce, la percentuale di chi sceglie alternative healthy cala al 41%. In tutti e 3 i canali sono le generazioni più giovani quelle maggiormente attente a effettuare scelte salutari.

Autogrill ha da tempo ampliato la propria offerta plant-based, healthy, con ingredienti bilanciati e genuini. Un esempio è Wowburger, un burger vegetale dedicato a chi desidera introdurre più prodotti veg nella propria alimentazione, per un pasto equilibrato anche fuori casa; oppure la pokè Rainbow realizzata ad hoc per gli amanti del cibo vegetale, un mix di riso basmati e venere, hummus, avocado, soia edamame, cavolo rosso marinato, lattughino, mango, pomodorini e sesamo nero. Inoltre, Autogrill, in collaborazione con Avocado Show, ha sviluppato il concept Cafè Flor, presente nell’aeroporto di Schiphol e da poco anche a Manchester, dove è possibile trovare piatti da gustare in un salotto rilassante circondato da piante verdi. Il concept dei negozi è ispirato alla natura e al modo di vivere sostenibile.

Gli italiani nelle loro scelte d’acquisto prediligono i brand impegnati in iniziative sostenibili e di corporate social responsibility. Lo dichiara il 73% dei viaggiatori negli aeroporti, il 71% di chi viaggia in treno ed il 65% di chi utilizza le autostrade. Nella top 5 delle iniziative sostenibili reputate più importanti dai viaggiatori sono incluse:1. L’attenzione alla sicurezza alimentare; 2. La riduzione dello spreco alimentare; 3. La riduzione delle emissioni di anidride carbonica; 4. L’adozione di soluzioni plastic-free; 5. L’utilizzo di prodotti a km zero.

In tutto il mondo si vanno affermando stili di vita e di consumo riconducibili a criteri etici e l’interesse verso il tema dell’alimentazione sostenibile e di qualità anche in viaggio ne è la prova tangibile. Autogrill è da sempre attenta alle tematiche Esg, tanto da essere pioniera nella lavorazione di materiali green innovativi come WascoffeE, sviluppato a partire dagli scarti del caffè, e Wasorange, altro materiale esclusivo derivante dagli scarti delle arance delle spremute.

A testimonianza di questo impegno, in Stazione Centrale a Milano Autogrill ha realizzato Wascoffee Lab, il primo concept interamente realizzato con materiale 100% naturale e riciclabile, creato a partire dal recupero dei fondi di caffè, e utilizzato per il design e gli arredi del punto vendita. In questo ambiente minimal e confortevole, Wascoffee Lab offre prodotti che soddisfano le esigenze di diversi profili di viaggiatori: dalla colazione alla merenda si possono trovare alternative healthy e plant–based. Nel 2022, con la nuova Roadmap #Make it Happen, Autogrill ha compiuto un ulteriore passo verso l’integrazione e la sistematizzazione della sostenibilità nel proprio modo di fare business.

La strategia di sostenibilità di Autogrill è basata su tre pilastri chiave:

1. We nurture people: è il primo pillar della roadmap e include le iniziative volte a promuovere il coinvolgimento delle persone all’interno dell’organizzazione, favorire la creazione di un ambiente di lavoro inclusivo e orientato alla diversità, e fornire ai viaggiatori in tutto il mondo la migliore esperienza possibile.

2. We offer sustainable food experiences: il secondo pillar è legato all’offerta dei più alti standard di qualità e sicurezza in tutti i punti vendita, attraverso la sensibilizzazione dei consumatori sui valori nutrizionali del cibo e l’adozione di pratiche responsabili nella selezione delle materie prime.

3. We care for the planet: il terzo pillar riguarda la riduzione dell’impatto ambientale lungo l’intero processo produttivo.

Cresce per i viaggiatori anche l’importanza del livello di digitalizzazione dei locali. In particolare in aeroporto e nelle stazioni i viaggiatori preferiscono le modalità di acquisto telematiche che permettono di comprare in modo semplice e rapido. Due terzi dei nostri viaggiatori preferirebbero un'esperienza di acquisto più fluida e veloce attraverso l’utilizzo di strumenti digitali come sistemi di Order&Pay o applicazioni su smartphone, avvalendosi dove necessario del supporto del personale del locale. Questo è particolarmente rilevante all’interno del canale aeroportuale e per i Millennials.

Tra i servizi digitali più richiesti e apprezzati dai consumatori degli 8 Paesi analizzati troviamo: La possibilità di ordinare e pagare attraverso lo smartphone, preferita dal 24% degli intervistati; il self-checkout, importante per il 21% dei viaggiatori; menu digitalizzato e accessibile tramite scansione di un QrCode, apprezzato dal 18% dei viaggiatori; portare alimenti e bevande da casa quando si viaggia è un’abitudine molto consolidata tra le generazioni più giovani di tutti i Paesi presi in esame, mentre è un’abitudine meno comune tra gli over 55. I canali maggiormente interessati da questo fenomeno sono aeroporti e stazioni ferroviarie, e i prodotti che si preferisce portare da casa sono in particolare bevande e snack.