Autonomia, Armao: no a regionalismo che spacchi il Paese

Xpa

Palermo, 24 lug. (askanews) - "Il regionalismo differenziato che propongono Veneto, Lombardia e Emilia Romagna non va bene se vuole spaccare il Paese. Se invece vuole favorire il federalismo e riconoscere nel Sud un'occasione di sviluppo per il Paese si può andare avanti". Così il vicepresidente della Regione Siciliana e assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao.

"Il conferimento di funzioni e risorse deve essere contestuale, non anteriore, al riequilibrio delle infrastrutture tra zone deboli e zone forti, altrimenti gli squilibri cresceranno inevitabilmente - ha spiegato il vicepresidente -. Se prevale l'autogoverno sulla solidarietà, si aggraveranno le condizioni di frammentazione sociale e di desertificazione del Mezzogiorno".

"La Repubblica ha riconosciuto l'Autonomia della Sicilia prima. Poi ha avviato gli interventi straordinari fino agli inizi degli anni '80, dando un contributo al superamento del divario - ha aggiunto Armao -. Ma il divario ha ricominciato a crescere e oggi siamo all'esigenza di fissare per legge l'obbligo per lo Stato di attuare investimenti al Sud, in proporzione alla popolazione. Ma né succedeva, né succede. Dovremmo essere al 34 per cento di interventi, siamo al 28%".