Autonomia, Boccia (Pd): siamo al Governo delle parodie

Tor

Roma, 29 lug. (askanews) - "Sull'autonomia va in scena l'ennesima parodia di quello che tutto appare tranne che il Governo della repubblica italiana. Premesso che la proposta della ministra Stefani è quanto di peggio e pasticciato si potesse concepire per attuare il titolo V della Costituzione e le incongruenze sulle ripartizioni regionali iniziali proposte sono state fermate dallo stesso Presidente del Consiglio, Conte, oggi la Ministra agli Affari Regionali e Ministro dello Sviluppo economico si smentiscono a vicenda, delegittimandosi l'uno con l'altro". Lo ha dichiarato Francesco Boccia, deputato e economista Pd.

"Ricordiamo a entrambi, nel caso gli fosse sfuggito perché impegnati a insultarsi a vicenda, che venerdì mattina lo stesso Mef, attraverso la risposta all'interpellanza urgente presentata dal PD, ha confermato l'impossibilità di dare attuazione all'impianto iniziale proposto dalla Stefani perché incoerente sia sui livelli essenziali delle prestazioni (LEP) che sul fondo di perequazione", ha aggiunto.